Nuovo integrativo Sanlorenzo: "Una piattaforma che ricorda le grandi aziende del passato"

Bettalli, Filt-Cgil: "Speriamo sia di esempio anche per altre realtà del nostro territorio"

Nuovo integrativo Sanlorenzo: "Una piattaforma che ricorda le grandi aziende del passato"
Nuovo integrativo Sanlorenzo: "Una piattaforma che ricorda le grandi aziende del passato"

LA SPEZIA

Un contratto di lavoro che ricorda il passato quando le grandi aziende italiane, oltre al rapporto diretto con il lavoratore, guardavano con particolare attenzione anche alla crescita delle famiglie. L’accordo integrativo appena sottoscritto dal gruppo Sanlorenzo, azienda leader nella nautica da turismo con sedi a Camisano di Ameglia e a Spezia, ha raccolto il plauso delle sigle sindacali Cgil, Cisl e Uil. "Speriamo – ha commentato Stefano Bettalli segretario Filt Cgil – che sia un auspicio per il futuro e che anche altre aziende dimostrino la stessa sensibilità. Oltre all’aspetto salariale della trattativa è da sottolineare l’attenzione rivolta da Sanlorenzo ai figli e familiari dei dipendenti. Un modello che ricorda decisamente quello adottato dalle grandi industrie italiane negli anni Sessanta e che si era però perso nel corso del tempo". Nell’accordo appena raggiunto con validità fino al 2026 infatti sono previsti, tra i tanti punti, il bonus bebè, sostegno allo studio stanziando incentivi in caso di raggiungimento di traguardi sia per i figli che per gli stessi lavoratori, apertura dello sportello cultura per favorire l’integrazione sociale dei lavoratori stranieri. "E soprattutto grande attenzione alla sicurezza e alla formazione – conclude Stefano Bettalli – per questo tutte le associazioni sindacali coinvolte nella trattativa del rinnovo devono esprimere la soddisfazione per la linea varata da un’azienda giovane che ha avuto negli ultimi 5-6 anni uno sviluppo enorme sul territorio".