Firenze, torna il premio Lucia

Il concorso rivolto a produttori, podcaster e autori radiofonici cambia veste e nel 2024 assegnerà premi in due categorie: “opere audio” e “progetti di produzione per opere inedite"

Il premio Lucia

Il premio Lucia

Firenze, 5 febbraio 2024 - Dopo tre felici edizioni promosse in collaborazione con l’Archivio dei Diari di Pieve Santo Stefano, quest'anno il premio Lucia cambia veste e - sebbene rimanga vivo l'interesse per l’uso di materiali d’archivio – si mette in ascolto delle storie di produttori, podcaster e autori radiofonici, di quelle che hanno già raccontato e di quelle che per ora, hanno solo in testa. Nel 2024 saranno quindi due le categorie in cui saranno assegnati i premi: “progetti di produzione” e “opere audio”. Come sempre rimangono due vincoli: il Premio Lucia è aperto a produzioni in lingua italiana e per le opere inedite si prevede una durata non superiore ai 30 minuti. Il Premio Lucia è reso possibile grazie al contributo di Toscanaincontemporanea 2023 e Fondazione CRr Firenze ed è parte integrante di Lucia, il Festival promosso da Radio Papesse per celebrare l'arte di raccontare senza immagini, la cui quinta edizione si terrà a Firenze dal 13 al 15 dicembre 2024. Tra i lavori audio prodotti nelle scorse edizioni del Premio, tratti da storie dell’Archivio dei Diari, ricordiamo con piacere Diario di una fenice irrequieta di Francesca Berardi, trasmesso anche su Rai Radio 3, così come Variazioni su M. di Martina Melilli e Botafuego. Un estremo atto di amore di Visocollettivo è invece diventato uno spettacolo teatrale. Il bando per partecipare, con scadenza 29 febbraio 2024, è online su  www.luciafestival.org, ed è aperto a giovani producer ma anche a professionisti consolidati. È possibile parteciparvi da soli o con un gruppo di produzione, collettivi e compagnie teatrali. Per quanto riguarda le “opere audio” sono ammessi lavori già prodotti, distribuiti o meno da gennaio 2022 a gennaio 2024. Saranno accettati anche singoli episodi di serie podcast, purché abbiano un’autonomia narrativa e purché siano storie concluse nell’arco del singolo episodio. Per quanto riguarda invece la categoria “progetti di produzione” , Lucia premia l’audacia e la sperimentazione di formati, belle storie e produzioni originali da un punto di vista narrativo e sonoro.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro