Viola Park, c’è il via libera della commissione. Sarà inaugurato a ottobre

L’ultimo passaggio sarà il sopralluogo del 28 settembre che dovrebbe consegnare l’agibilità

E' tutto pronto per l'apertura del Viola Park ai tifosi
E' tutto pronto per l'apertura del Viola Park ai tifosi

Bagno a Ripoli (Firenze), 14 settembre 2023 – Adesso c’è anche una data, che sarà indicata dalla Fiorentina nel mese di ottobre. E’ tutto pronto per l’inaugurazione ufficiale del Viola Park, un passaggio che adesso è più vicino dopo l’esito favorevole della Commissione pubblico spettacolo guidata dal Comune di Bagno a Ripoli riguardo alla fattibilità del progetto. Adesso si attendono la chiusura del procedimento di sanatoria del Genio civile e i risultati dei collaudi delle opere di urbanizzazione effettuati dai progettisti della Fiorentina prima della conclusione finale dell’iter per l’agibilità, che arriverà dopo il sopralluogo della Commissione del 28 settembre.

La data del 28 settembre per il sopralluogo è stata scelta e concordata dagli enti della Commissione e i progettisti della Fiorentina per dare il tempo necessario a realizzare gli interventi richiesti. “Siamo ai dettagli finali, il cronoprogramma è rispettato ora spetta a progettisti e agli altri enti concludere i propri impegni. L’inaugurazione avverrà nel mese di ottobre in una data che sarà scelta dalla Fiorentina”, dichiara il sindaco Francesco Casini.

“Siamo molto contenti - prosegue Casini - è stato seguito il percorso indicato fin dall’inizio dal Comune di Bagno a Ripoli per uscire e accelerare rispetto all’iter di deroga che avrebbe significato tempi più lunghi”.

Prosegue il sindaco. “In meno di 4 anni, grazie all’impegno di tutte le parti, si è realizzato qualcosa di unico in Italia di cui essere orgogliosi, frutto di un rapporto pubblico privato davvero virtuoso. Bagno a Ripoli - prosegue il sindaco Casini - rappresenta nuovamente questo esempio dell’Italia che funziona, se pensiamo anche solo alle tempistiche della variante urbanistica, fatta in soli 11 mesi con una pandemia nel mezzo e una serie di ricorsi al Tar e addirittura un ricorso straordinario al Capo dello Stato, tutti superati. Un esempio grazie dunque all’amministrazione pubblica, all’intervento architettonico sostenibile e di grandissimo livello con lo studio Archea e le straordinarie maestranze che hanno realizzato il progetto e ovviamente - motore di tutto - l’impegno economico da parte della Fiorentina e del presidente Commisso”.