Stop alla Tari, bocciata mozione Pd. Il Comune: "Aiuti già programmati"

I dem volevano la sospensione per chi ha avuto danni da alluvione. La replica: "Polemica sterile. sono previste agevolazioni".

Stop alla Tari, bocciata mozione Pd. Il Comune: "Aiuti già programmati"

Stop alla Tari, bocciata mozione Pd. Il Comune: "Aiuti già programmati"

di Pier Francesco Nesti

È scontro fra Partito Democratico e maggioranza. A provocarlo la bocciatura della mozione con cui il Pd chiedeva alla giunta di posticipare le scadenze dei tributi locali. "La proposta – spiegano dal Pd - prevedeva la sospensione del pagamento della Tari, delle concessioni dei passi carrabili e delle pubblicità, a sostegno di coloro che hanno subito danni dall’alluvione. La maggioranza, però, ha bocciato l’atto, giustificando il voto con la necessità di rispettare gli equilibri di bilancio". A replicare è l’assessore al bilancio, Giulia Della Giovampaola: "È una polemica strumentale: abbiamo già previsto delle agevolazioni sul saldo Tari 2023, predisponendo la sospensione delle attività accertative e di sollecito fino al 31 luglio 2024. I cittadini e le imprese potranno così ritardare il pagamento senza rischiare procedure di recupero del credito. Inoltre, le utenze non domestiche riceveranno una lettera di cortesia in modo da presentare ad Alia entro il 31 gennaio 2024 apposita istanza di sospensione, che determinerà il ricalcolo dell’avviso emesso, escludendo dal computo il periodo di interruzione dell’attività". E ancora: "Sappiamo – continua – che queste misure possano creare difficoltà a un bilancio già provato dai numerosi interventi di urgenza, 2.500.000, per i quali ancora non abbiamo ricevuto una risposta adeguata da parte delle istituzioni superiori".

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro