Scuola: la Puccini è la prima in Italia ad aderire al protocollo ‘Rifiuti Zero’

Zero Waste Italy: “L'alleanza tra i giovani e la scuola diventa cruciale per la rivoluzione ecologica”

Puccini a rifiuti zero

Puccini a rifiuti zero

Firenze, 22 febbraio 2024 - ‘Spingere’ ancora di più sulla raccolta differenziata, ridurre il più possibile la plastica, sensibilizzare le aziende a rendere i loro prodotti più green. L’istituto comprensivo Puccini di Firenze è la prima scuola in Italia ad aderire al protocollo Rifiuti Zero. Dopo che 331 comuni hanno aderito al protocollo Comuni Rifiuti Zero, adesso l’iniziativa si estende al settore educativo. E la Puccini, come fanno sapere Zero Waste Italy e il Centro Ricerca Rifiuti Zero di Capannori, è il primo istituto a farsi avanti in tal senso.

Così, come spiega il docente Paolo Boschi, “ci impegneremo a ridurre in modo drastico i rifiuti che non possono essere riutilizzati. Non solo. Faremo anche attività di sensibilizzazione, a partire dalla mensa scolastica”. La scuola promuoverà poi raccolte differenziate ad hoc, come quella degli smartphone. Insomma, rispetto dell’ambiente come pilastro dell’educazione nei confronti delle nuove generazioni, delle loro famiglie e di tutto il mondo scolastico.

L'approccio del protocollo scuole a Rifiuti Zero, si legge nella nota di Zero Waste Italy, rompe con il tradizionale "modello lineare" di estrazione, produzione, consumo e smaltimento, favorendo invece una prospettiva circolare che rispetta i cicli naturali. “Questo cambiamento è fondamentale per sensibilizzare le comunità scolastiche e superare l'illusione di un progresso legato al modello lineare - affermano da Zero Waste Italy - L'alleanza tra i giovani e la scuola diventa cruciale per la rivoluzione ecologica”.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro