Un’agorà, didattica all'aperto, e un ampio spazio verde: ecco come sarà la primaria Anna Frank di Settimello

Il nuovo plesso scolastico sarà costruito prima che venga demolito il vecchio, in modo da garantire la continuità didattica

Ecco come sarà la nuova primaria di Settimello

Ecco come sarà la nuova primaria di Settimello

Settimello (Calenzano), 15 maggio 2024 - Un ampio giardino, un grande atrio con funzione di ‘agorà’, spazi per la didattica all’aperto. Sarà improntata alle esigenze di una didattica più moderna ed avrà un’anima green la nuova scuola primaria Anna Frank di Settimello. È stato approvato dalla giunta comunale il progetto di fattibilità tecnico-economica della nuova scuola, per un importo di 10 milioni di euro, già previsto nel piano delle opere pubbliche 2024-2026.

Il progetto definitivo-esecutivo è in fase di revisione e attende, per l’approvazione finale, le sole verifiche tecniche di legge. Il nuovo plesso scolastico sarà costruito prima che venga demolito il vecchio, in modo da garantire la continuità didattica e prevedere spazi maggiori per la scuola e la palestra. Per ottenere questo vantaggio, l’edificio nuovo sarà un po’ più distante dalla strada e dal parco del Neto. E si comporrà di due edifici: la scuola sarà su due livelli e non più su tre. E la palestra potrà essere utilizzata anche fuori dall’orario scolastico; saranno dunque offerte maggiori possibilità alle associazioni del territorio, che lì potranno svolgere anche attività agonistica.

Il plesso sarà articolato in quattro volumi a copertura inclinata ed avrà infissi e materiali improntati al risparmio energetico, oltre ad un impianto fotovoltaico.

La progettazione è avvenuta con il supporto esterno e la consulenza di Indire (Istituto nazionale documentazione innovazione ricerca educativa) con l’obiettivo di superare il vecchio modello di didattica frontale per far spazio alle nuove esigenze improntate allo sviluppo e alla valorizzazione delle competenze personali. Ecco che le aule al piano terra saranno collegate direttamente col giardino per poter far lezione anche all’aria aperta. Non mancheranno poi una ‘agorà’ e spazi per laboratori e biblioteca.

Il progetto prevede la riorganizzazione di tutte le aree esterne intorno alla nuova scuola, con una rigenerazione degli spazi a verde e la piantumazione di nuovi alberi a medio e alto fusto, ornamentali e da frutto.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro