Nuova vita per il Torrino di Santa Rosa. Via al restyling da 600mila euro

Il contributo straordinario stanziato dalla Regione. E arriva la nuova viabilità

Nuova vita per il Torrino di Santa Rosa. Via al restyling da 600mila euro

Nuova vita per il Torrino di Santa Rosa. Via al restyling da 600mila euro

FIRENZE

Dopo 30 anni il Torrino di Santa Rosa cambia volto. Via al pacchetto di interventi per la riqualificazione della struttura e la realizzazione del nuovo Centro di socializzazione per anziani, con la sistemazione dell’area circostante nel rispetto delle prescrizioni. È quanto prevedono le delibere approvate dalla giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessora ai Lavori pubblici, Titta Meucci (in foto). Si tratta dell’accordo tra Regione Toscana e Comune di Firenze per la concessione del contributo regionale straordinario di 600mila euro destinati alla riqualificazione del Torrino e dell’approvazione del progetto esecutivo da oltre 1,1 milioni di euro per la realizzazione del centro anziani.

"Sono estremamente soddisfatta di chiudere il mandato portando a compimento un intervento che i cittadini attendevano da 30 anni - ha detto l’assessora Meucci -. Un intervento complesso da tanti punti di vista, che ora consentirà non solo di mettere a disposizione una struttura più adeguata all’attività sociale sotto il profilo edilizio e dei servizi; ma anche di riqualificare e regolarizzare l’area circostante, valorizzare il complesso del Torrino dal punto di vista storico-architettonico e regolarizzare la viabilità carrabile e pedonale”. Per l’intervento saranno necessarie alcune opere propedeutiche, quali la demolizione delle strutture abusive nel resede e in adiacenza del Torrino, a est e ovest; fino alla rimozione della vegetazione adiacente alle strutture storiche e alla pulizia delle aree a valle delle stesse.

Il compimento del nuovo corpo di fabbrica, a sviluppo orizzontale e distaccato dal Torrino, permetterà di migliorare la continuità della visuale e di recuperare la percezione complessiva della cinta muraria e della torre. È prevista poi la realizzazione di due corpi di fabbrica che si compenetrano: il corpo principale a pianta rettangolare, caratterizzato da una grande trasparenza, ospiterà la sala pluriuso da cui emergerà il blocco destinato ai servizi. A connettere il nuovo edificio ed il Torrino sarà una struttura leggera completamente vetrata sui lati verso la strada e verso l’Arno. Parte integrante del progetto sarà anche la realizzazione di un nuovo attraversamento pedonale che collegherà l’ingresso della nuova struttura al parco delle mura di Verzaia, aumentando la sicurezza dei percorsi pedonali. Anche il marciapiede, sul lato opposto al Torrino Santa Rosa, sarà modificato e allargato.