Le promesse di Sara: "Tavolo con la prefetta, sostegno a periferie e negozi di vicinato"

Prima riunione della neo sindaca con le associazioni di categoria. Per risolvere il problema della criminalità e delle continue spaccate. riconfermata la volontà di "chiedere un incontro urgente al governo".

Le promesse di Sara: "Tavolo con la prefetta, sostegno a periferie e negozi di vicinato"

Le promesse di Sara: "Tavolo con la prefetta, sostegno a periferie e negozi di vicinato"

Salvaguardare il commercio tradizionale non solo in centro. E’ proprio questa una delle prime battaglie che Sara Funaro, la prima sindaca di Firenze, vuole portare avanti. Lo ha confermato nel corso dell’incontro che ha avuto ieri assieme al direttore dello sviluppo Economico, Valerio Cantafio, con le quattro associazioni di categoria: Cna, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti. Non solo. Linea dura anche per quanto riguarda la sicurezza e lotta all’abusivismo commerciale in tutte le sue forme.

La sindaca Funaro ha annunciato, infatti, la volontà di concentrare l’attenzione dell’amministrazione comunale sui temi della valorizzazione e sostegno alle piccole e medie imprese di vicinato, attraverso un insieme di provvedimenti come la semplificazione amministrativa, la ricerca di nuove risorse e nuove regole che consentano di tutelare la città dalla proliferazione incontrollata di attività di somministrazione, anche zone che sono fuori dalle mura come via Gioberti.

Sul tavolo del confronto le quattro sigle hanno portato soprattutto il tema della sicurezza con la richiesta di una lotta all’abusivismo commerciale e alla micro criminalità che sta dando filo da torcere ai bottegai fiorentini. In questa direzione, Funaro ha annunciato che rinnoverà l’invito al governo per avere più forze di polizia sul territorio e che darà tutta la sua collaborazione a questura e prefettura per interventi più efficaci. "Per facilitare il ruolo importantissimo della neo sindaca e ottimizzare gli sforzi in materia di sicurezza e tutela del commercio tradizionale la sinergia tra le associazioni è fondamentale", ha detto il direttore di Confcommercio Toscana Franco Marinoni.

Serena Vavolo e Jacopo Ferretti, presidente e direttore di Confartigianato Firenze, sono stati chiari: bisogna tutelare le attività dall’abusivismo e garantire le condizioni di sicurezza in una città che ospita milioni di turisti. Per Claudio Bianchi, presidente Confesercenti Firenze, si tratta di "un buon inizio: noi, sui temi che riguardano lo sviluppo delle nostre attività in un quadro di insieme daremo il nostro contributo". Spazi per l’artigianato per ripopolare le aree più centrali. E’ la richiesta di Cna Firenze: "Il Comune in questo può aiutarci – conclude il presidente Giacomo Cioni - mettendo a disposizione spazi pubblici oggi inutilizzati".

Per la neo sindaca, quello di ieri, è stato "un incontro importante che ho voluto organizzare prima di nominare la giunta, anche per sottolineare la mia intenzione di mantenere con le categorie economiche un rapporto continuativo e diretto, oltre che ovviamente attraverso l’assessore che assumerà la delega. Intendo attivare un tavolo, collaborando con la prefetta, in modo da lavorare insieme su tutte le tematiche sollevate oggi, nell’ottica di proseguire la proficua collaborazione che c’è sempre stata".

Rossella Conte