Firenze, incendio vicino alle officine Rfi. Ipotesi atto doloso

Il rogo si è propagato nella notte tra le Piagge e l’Osmannoro. Fiamme altissime, a fuoco rifiuti e masserizie

Firenze, 5 gennaio 2024 – Fiamme altissime e vigili del fuoco al lavoro per tutta la notte in via Curzio Malaparte, nel comune di Firenze, tra la zona delle Piagge e l’Osmannoro. Un vasto incendio si è sviluppato intorno all’una in un’aera aperta ed ha coinvolto principalmente rifiuti e masserizie.

Incendio all'Osmannoro, l'intervento dei vigili del fuoco

Sono intervenuti i pompieri del comando di Firenze, distaccamento di Fi-Ovest, Calenzano e dalla sede central. Il rapido intervento delle squadre ha permesso di contenere l’incendio, evitando la propagazione da un lato ad un piazzale sul quale sono parcheggiate diverse autovetture, dall’altro le officine di manutenzione di Rfi che non hanno subito danni.

Sul posto sono rimaste al lavoro 3 squadre più mezzi in supporto come autobotti tra cui una da 25.000 litri per un totale di 25 uomini e 10 automezzi. Terminata la prima fase di contenimento, è stato necessario l’intervento dei mezzi di movimento terra dei Vigili del fuoco per lo smassamento dei materiali coinvolti nell'incendio. Nel rogo sono andate a fuoco anche alcune baracche che sono dimora di senza tetto. Sul posto è intervenuto anche il funzionario per il coordinamento delle operazioni di spegnimento. 

Nel primo pomeriggio i vigili del fuoco hanno concluso le operazioni di bonifica. Gli investigatori sono al lavoro per accertare le cause del rogo: non si esclude alcuna ipotesi, anche se pare si faccia strada l'ipotesi di un atto doloso

Palazzo Vecchio, in una nota, spiega che il rogo si è sviluppato su un terreno privato già sgomberato alcuni anni fa perché ospitava un insediamento abusivo. L'ordinanza dello sgombero venne fatta per ragioni sanitarie, con obbligo di bonifica per il proprietario. Negli anni, si precisa sempre dal Comune, le pattuglie del nucleo antidegrado della polizia municipale hanno effettuato diversi controlli e sollecitato più volte la proprietà visto che ogni volta, nel terreno, hanno scoperto molti rifiuti e qualche persona.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro