Georgofili, i verbali dell’interrogatorio di Messina Denaro: “Vittime uccise per menefreghismo”

Diffuse le parole del boss rilasciate prima di morire: “Io di Firenze non so niente, ma l’obiettivo non erano le persone. Hanno usato il cannone per far fuori la mosca”

La strage dei Georgofili in un'immagine dell'epoca

La strage dei Georgofili in un'immagine dell'epoca

Firenze, 18 ottobre 2023 – “Tengo in chiaro che io non so niente di Firenze, io non so niente anche perché non c'è mai stata in una mia condanna nessun riscontro oggettivo. Quello di Firenze, qualora fosse vero, non è che si volevano uccidere persone, anche perché ci sono collaboratori che dicono che la finalità non era uccidere delle persone”. Comincia così l’interrogatorio di Matteo Messina Denaro davanti al gip. Un colloquio andato in scena nei mesi scorsi e nel quale si è parlato della strage dei Georgofili del 1993. Le trascrizioni sono state rese note oggi. 

"Il problema – proseguiva Messina Denaro – è stato secondo me che sono andati con la ruspa cioè hanno ucciso la mosca con le cannonate. Perché si sa che se si mettono bombe, possono cadere degli innocenti”. Il boss aveva precisato, come suo costume, di essere comunque estraneo ai fatti. Nell'attentato, compiuto tra il 26 e il 27 maggio del 1993, morirono cinque persone, tra cui anche due sorelline.

Sempre continuando a negare di aver avuto un ruolo nelle bombe di Firenze, il capomafia, morto il mese scorso, aggiungeva: “La finalità era prendersela con lo Stato, con i beni dello Stato. Non è stato secondo me un errore, è stato menefreghismo che è peggio perché l'errore può essere perdonato. Ma se io capisco e intuisco che là succedeva una strage ecco che una bomba là non sarebbe mai stata messa. Il problema - ha concluso - è che hanno usato gente che non vale niente”.