Conferenza stampa a Sollicciano: “Meloni e Nordio vengano qui”. Poi la contestazione: “Vergogna”

Il punto con il presidente della Camera penale Luca Maggiora, il garante dei detenuti di Firenze Eros Cruccolini, il deputato Federico Gianassi, il segretario regionale del Pd Emiliano Fossi e la sindaca Sara Funaro

Firenze, 5 luglio 2024 – Dopo il suicidio del 20ennela rivolta dei detenuti, al carcere di Sollicciano è stata indetta una conferenza stampa con il presidente della Camera penale Luca Maggiora, il garante dei detenuti di Firenze Eros Cruccolini, la neo-eletta sindaca di Firenze Sara Funaro accompagnata dal deputato Federico Gianassi e il segretario regionale del Pd Emiliano Fossi

Approfondisci:

Come si vive (e si muore) nel carcere di Sollicciano. Topi, cimici, muffa. Il grido inascoltato del detenuto di 20 anni, poi il suicidio

Come si vive (e si muore) nel carcere di Sollicciano. Topi, cimici, muffa. Il grido inascoltato del detenuto di 20 anni, poi il suicidio

Al termine della riunione, Maggiora e Cruccolini hanno incontrato i giornalisti fuori dai cancelli del penitenziario. “Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il ministro della Giustizia Carlo Nordio vengano a vedere la situazione qui a Sollicciano”, ha dichiarato il presidente della Camera penale. Cruccolini, garante dei detenuti di Firenze, ha proposto la fondazione di un comitato civico per le condizioni del carcere. “Indulto e amnistia per alleggerire le carceri”, ha sottolineato il garante. 

"Quello che è avvenuto al ragazzo di 20 anni – ha sottolineato la sindaca Funaro – è un fatto drammatico. Ci sono troppi suicidi nelle carceri. Le condizioni sono drammatiche, lo sono sempre di più. Io sono dell’idea che il carcere dovrebbe essere rifatto completamente. I lavori sono fermi da tanto tempo, c’è necessità di accelerare i tempi”. 

Approfondisci:

Sollicciano, Psicologi Toscani: “Nelle carceri carente il supporto psicologico"

Sollicciano, Psicologi Toscani: “Nelle carceri carente il supporto psicologico"

Durante le interviste alla sindaca Sara Funaro, accompagnata da Fossi e Gianassi, è esplosa una contestazione da parte di alcuni antagonisti. “Vergogna!”, hanno gridato a più riprese. La sindaca, in seguito alla contestazione, è andata via. 

Solliciano, la conferenza stampa dopo la rivolta dei detenuti nel carcere (Foto Moggi / New Press Photo)

La conferenza è stata indetta in seguito a quanto accaduto ieri pomeriggio. Un detenuto di 20 anni si è tolto la vita in cella ed è scattata la rivolta dei carcerati. Per tutto il pomeriggio e fino alla sera i detenuti hanno gridato dalle finestre, appiccando incendi e sventolando manifesti chiedendo aiuto per la situazione del penitenziario. La sommossa è rientrata nella notte. In base a quanto comunicato dalla prefettura non ci sono stati feriti nei disordini. La situazione è stata riportata sotto controllo con l’intervento della polizia penitenziaria.