Capannucce in Città: la festa a San Gaetano

Entusiasmo e partecipazione per la cerimonia conclusiva. In 4 vincono la targa della menzione speciale della Nazione

Capannucce in città (foto New Press Photo)
Capannucce in città (foto New Press Photo)

Firenze, 5 gennaio 2024 - Una gremita chiesa di San Gaetano a Firenze ha accolto i partecipanti dell’edizione numero 22 di Capannucce in città, la rassegna che riporta al centro del Natale il presepe. Tutti coloro che si sono iscritti gratuitamente dopo aver realizzato il presepe in casa, in chiesa o a scuola (quasi 2000 persone) hanno ricevuto un diploma e una piccola natività. La cerimonia di premiazione, accompagnata dalle note del Piccolo Coro Melograno diretto dal Maestro Laura Bartoli con al pianoforte il maestro Chiara Piccioli, è stata presieduta dal Comitato promotore con presidente Dom Bernardo Gianni (abate della basilica di San Miniato al Monte), segretario e fondatore Mario Razzanelli ed il past president Paolo Blasi.

Ha condotto il giornalista Antonio Lenoci. 
Durante la cerimonia, sono state consegnate dal vicedirettore del quotidiano La Nazione Luigi Caroppo e dalla responsabile della cronaca di Firenze Erika Pontini quattro targhe con la prima pagina del nostro quotidiano quali menzioni speciali per i presepi che portano con sé una storia personale o familiare particolarmente significativa.
Sono state assegnate a: 
Simonetta Ceglia in ricordo del papà Alfonso, storico partecipante a Capannucce in Città venuto a mancare all’inizio di dicembre;
Serena Malpaganti di Prato che ha trasformato la sua casa in museo del presepe aperto a tutti con oltre mille personaggi dipinti a mano 
Scuola Madre Mazzarello di Firenze dove tutti gli studenti, dai 3 agli 11 anni, hanno realizzato più presepi e da quasi 20 anni affezionati partecipanti di Capannucce in Città
Stefano Rappuoli che ha creato un Museo dei presepi dal mondo, a Sarteano (Siena).
Premi speciali anche per i partecipanti al “Presepe in scatola”, che hanno realizzato una rappresentazione della sacra famiglia in formato portatile appositamente per l’occasione. Il Comitato di Capannucce ha decretato 3 vincitori:
Luciano Sernicola col suo “presepe in valigia”, giunto da Orte fino a Firenze
Sabrina Vignoli con la sua creazione tutta all’uncinetto 
Aurora e Alessandro Fanizzi di 10 e 7 anni con il loro presepe in gesso dipinto a mano
Il premio scelto per i vincitori del Presepe in Scatole è il presepe-puzzle Terra Santa prodotto dai Frati Francescani per gli 800 anni dal primo presepe di Greccio: con il suo acquisto, il Comitato Capannucce in Città sostiene i progetti educativi per i bambini e i giovani di Betlemme curati dai francescani della Custodia di Terra Santa.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro