1924/2024 Primo secolo di radio. Una voce nel cuore dell’Italia

Dalla passione di un genio al suo ruolo sociale. Non ha smesso di essere ascoltata e amata. CLASSE IIA DELLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO LEONARDO DA VINCI DI LASTRA A SIGNA.

1924/2024 Primo secolo di radio. Una voce nel cuore dell’Italia

Un disegno di Gugliemo Marconi, l’inventore della radio

Il 6 ottobre 2024 si celebrerà il centenario della radio in Italia, data importante ed orgoglio nazionale, dato che l’ideatore di questo rivoluzionario apparecchio è Guglielmo Marconi, grande fisico italiano premiato col Nobel. Nato a Bologna nel 1874, a soli 18 anni cominciò a fare esperimenti sulle telecomunicazioni senza fili nel suo laboratorio, portando nel 1895 i suoi apparecchi all’esterno, tentando una trasmissione wireless e facendo viaggiare un segnale per circa 2 km. Trasferitosi a Londra, nel 1898 iniziò la ricerca e la produzione di vari dispositivi di trasmissione, utilizzati per radio, radar, avionica e successivamente televisione. Sbarcato in America, Marconi si concentrò sull’Atlantico, convinto che le onde potessero oltrepassarlo seguendo la curvatura della terra e nel 1901 riuscì la comunicazione del primo segnale transoceanico.

Nel 1903 Marconi installò un’analoga stazione presso Pisa utilizzata fino alla Seconda guerra mondiale per comunicare in mare aperto, divenuta poi una delle più importanti d’Europa. Il 27 agosto 1924 venne fondata l’Uri, che poi si trasformò nell’Eiar e infine nell’attuale Rai. Il 5 ottobre Mussolini fece il primo discorso radiofonico della storia d’Italia e il giorno successivo, considerata data di inizio delle trasmissioni pubbliche, alle 21 Ines Viviani Donarelli lesse il primo annuncio augurando al pubblico un buon ascolto del concerto inaugurale. Il primo apparecchio commercializzato fu la radio a galena, semplice ricevitore privo di batterie, alimentato dalle onde ricevute grazie a un’antenna esterna. Negli anni ’30 la radio iniziò a diffondersi in tutte le case, grazie ai modelli Radio Balilla e Radio Rurale, popolari ricevitori a 3 valvole, i primi dispositivi pensati principalmente per utenti privati. Ma l’apparecchio non è nulla senza le trasmissioni; tra le più amate dagli italiani ricordiamo "I Quattro Moschettieri", mandata in onda dall’Eiar dal 1934 al 1937. Essa si sviluppava in chiave umoristica tra canzoni, voci narranti e dialoghi, inaugurando e portando al successo il genere della rivista basata sulla parodia. Molto popolare è ancora oggi "Tutto il calcio minuto per minuto" su Radio 1, dedicato alle radiocronache in diretta del campionato di calcio, ideato nel 1960 da Moretti, Bortoluzzi e Zavoli.

All’inizio venivano trasmessi solo i secondi tempi per paura di un calo di affluenza negli stadi. In questi cento anni la radio ha accompagnato la storia degli italiani e ancora ci emoziona con voce fedele e discreta, la voce di un’amica che abbiamo voluto omaggiare.

è arrivata su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro