"Toscana & friends, ripartiamo": tante stelle al concerto show per aiutare gli alluvionati

Il 3 gennaio al Tuscany Hall con Mannoia e Massini. Presenti Gabbani, Irene Grandi e Paolo Jannacci

Firenze, 28 dicembre 2023 – Il territorio toscano devastato dall’alluvione dello scorso novembre è pari a quello di 26mila campi da calcio messi assieme.

"A quasi due mesi di distanza, l’emergenza non è finita per tutti coloro che hanno avuto case e luoghi di lavoro devastati dai fiumi e torrenti straripati". Lo ricorda Stefano Massini, scrittore e drammaturgo, residente a Campi Bisenzio - uno dei comuni più straziati dall’alluvione - che fin dalle prime ore è stato a spalare fango coi suoi concittadini.

Da lì nasce l’idea di un evento in compagnia di tanti protagonisti del mondo della cultura e dello spettacolo, per non abbassare i riflettori sul dolore che ha sconvolto tanta parte della Toscana.

Come promesso, insieme ai suoi compagni d’avventura Piero Pelù e Fiorella Mannoia, la serata avrà luogo il 3 gennaio alle 21 al Tuscany Hall di Firenze, con un cast di grandi artisti, per raccoglie fondi da destinare alle popolazioni alluvionate.

Fiorella Mannoia
Fiorella Mannoia

Sul palco si alterneranno Antonio Aiazzi, Bandabardò, Ginevra Di Marco & Francesco Magnelli, Dolcenera, Francesco Gabbani, Irene Grandi, Paolo Jannacci con Daniele Moretto, Marco Masini, Danilo Rea, Paola Turci, Peppe Voltarelli. Uno alla volta, ma anche con un probabile brano che canteranno tutti insieme. Da qui il nome dello spettacolo, "Toscana and friends. RipartiAmo", durante il quale non mancheranno sorprese, con altri ospiti che arriveranno a Firenze per portare un segno di solidarietà e di impegno.

Impegno che non mancherà nei monologhi di Massini e degli altri protagonisti, ricordando che, ad esempio, le alluvioni sono una conseguenze dei cambiamenti climatici.

"Ci saranno altre presenze importanti - spiega Massini -, alcune in collegamento, altre con video. Sarà una serata di contaminazione di linguaggi diversi". Fin dal primo annuncio il pubblico ha risposto con grande partecipazione, tanto che degli oltre 1500 posti disponibili, ne restano solo un centinaio.

"Non è una serata che punta solo a vendere biglietti - prosegue Massini -, ma che vuole tenere viva l’attenzione su quanto accaduto, perché molte persone sono ancora senza una casa e c’è chi vive nei camper. Per questo speriamo che arrivino contributi anche dopo l’evento. È una serata per tenere la memoria attiva e continuare a mettere in moto le risorse".

Lo spettacolo è realizzato grazie alla disponibilità dei soci della Prg, proprietari e gestori del Tuscany Hall e di tanti professionisti che hanno collaborato a questa piccola grande impresa, per la quale è stata costituita un’apposita fondazione per gestire con massima trasparenza i soldi raccolti.

Del resto, la recente polemica sul pandoro di Chiara Ferragni, non aiuta certo ogni tipo di raccolta fondi: "Quella scivolata corre il rischio di gettare un’ombra su qualcosa che prescinde da questi personaggi - ha concluso Massini –. La Ferragni avrà commesso degli errori, ma stacchiamo il concetto di solidarietà da cosa accade in casa dell’influencer, perché sarebbe svilire un progetto che ha un significato indipendentemente da lei".

Tutto l’incasso dell’evento del 3 gennaio sarà disponibile dal gio rno successivo e consegnato al governatore della Toscana Eugenio Giani. Uno degli obiettivi è finanziare la ricostruzione dei luoghi della cultura. Biglietti su Ticketone  (tel. 892.101), Box Office Toscana (055.210804).