MARCO CORSI
Cronaca

Tunnel delle Miniere, primo step. Percorso taglio traffico verso l’A1

Opera da 20 milioni di euro finanziata da Rfi come risarcimento per il passaggio dei vagoni con le terre Tav

Tunnel delle Miniere, primo step. Percorso  taglio traffico verso l’A1

Tunnel delle Miniere, primo step. Percorso taglio traffico verso l’A1

Sono partiti da poche settimane i lavori preliminari di una delle opere pubbliche più importanti che saranno realizzate in Valdarno nei prossimi anni: il tunnel del Porcellino, che collegherà la Regionale 69 con la provinciale delle Miniere, nel comune di Cavriglia. Iniziati gli interventi di bonifica bellica, c’è già anche il tracciato della strada. Entro il mese di dicembre sarà contrattualizzato l’accordo con la ditta che ha vinto l’appalto, che avrà poi 120 giorni di tempo per trasformare il progetto da preliminare ad esecutivo e far partire ufficialmente il cantiere. Parliamo di un’opera da 20 milioni di euro.

Duplice lo scopo di questa nuova infrastruttura viaria: risolvere le problematiche legate alla viabilità del Porcellino e facilitare l’accesso all’area industriale di Bomba, all’area mineraria ed al futuro Parco dello Sport di Cavriglia, consentendo così lo sviluppo dell’intera zona ed una possibile ricaduta in termini economici e di incremento delle opportunità occupazionali. Nello specifico sarà realizzata una nuova viabilità di circa 550 metri, con tanto di galleria e rotatoria in corrispondenza dell’attuale intersezione tra la Sr69 e Via Ottone Rosai.

Questa infrastruttura permetterà di deviare tutto il traffico diretto e proveniente dalle aree industriali di Santa Barbara e di Bomba, consentendo un collegamento rapido e veloce con i caselli autostradali A1 di Valdarno ed Incisa – Reggello. Tra l’altro proprio a Bomba sorgerà anche il nuovo ospedale di comunità. I benefici non saranno solo per i privati, ma anche per le aziende che insistono in zona e per i molti turisti che gravitano nell’area, che potranno raggiungere molto più velocemente il fondovalle valdarnese e quindi i principali snodi autostradali e ferroviari del territorio per raggiungere le città di maggior richiamo come Firenze, Siena e Arezzo.

I fondi per finanziare questo lavoro e le altre opere compensative nei comuni di San Giovanni e Figline Incisa provengono interamente da RFI a titolo di risarcimento per i disagi che il traffico di vallata ha subito e ancora subirà durante il trasporto delle terre provenienti dai cantieri dell’alta velocità fiorentina, dirette all’area mineraria di Cavriglia per la realizzazione di una collina schermo. La somma complessiva stanziata da RFI ammonta a 26 milioni totali, così suddivisi: 20 milioni a Cavriglia per eseguire la nuova viabilità e il tunnel; 5 milioni a San Giovanni per realizzare una serie di opere infrastrutturali per la mobilità nel territorio; un milione a Figline Incisa Valdarno per migliorare la viabilità nei quartieri di Porcellino e Restone.