Tela del Vestrucci a Rendola. Botta e risposta tra il sindaco di Montevarchi e l’ex sindacalista Romeo Romei

Lo stato del restauro del dipinto al centro di una polemica a distanza.

Il sindaco Chiassai

Il sindaco Chiassai

Arezzo, 27 marzo 2024 – E' botta a risposta tra Romeo Romei, ex sindacalista e rendolese doc e il sindaco di Montevarchi Silvia Chiassai Martini. Oggetto del contendere, il dipinto "Allegoria dell’Immacolata Concezione con la Sibilla Persica e la Sibilla Libica", simbolo di Rendola, borgo che si affaccia sulle colline montevarchine. Romei, in questi giorni, ha riproposto il tema del restauro della tela del pittore locale Michelangelo Vestrucci, vissuto tra la seconda metà del XVI secolo e la prima del XVII, e inserita nel 1805 in una nuova mostra d’altare commissionata dalla Compagnia annessa alla chiesa di San Donato della frazione di Montevarchi. Nel 2020 l’ex segretario della Cgil denunciò che la pala era in preda dell’incuria e l’allora arcivescovo di Arezzo Riccardo Fontana aveva assicurato il suo interessamento. "Tutto sembrava felicemente risolto nel 2021 - spiega ora Romei - quando, insediandosi per il secondo mandato, la sindaca Chiassai Martini dichiarava nel suo programma elettorale che il restauro era quasi giunto a termine, "un’opera che l’amministrazione ha voluto fortemente recuperare grazie all’Associazione di via dei Musei che l’ha scoperta. Con un protocollo d’intesa siglato con la Curia vescovile, proprietaria dell’opera, il dipinto presto sarà restituito alla cittadinanza". A tre anni di distanza, però, la situazione è ben diversa: "Grazie all’intervento del Vescovo – prosegue Romei – la tela è stata messa al sicuro, ma le risorse non sono state sufficienti per il restauro nonostante una sottoscrizione popolare attivata dall’Associazione dei Musei. Peraltro anche la chiesetta del borgo ha necessità di restauri urgenti e il nuovo Vescovo ha garantito che farà un sopralluogo. Duplice l’invito finale: agli imprenditori della zona a contribuire per salvare dal degrado chiesa e dipinto e agli amministratori montevarchini a rispettare gli impegni annunciati, "come risolvere l’annoso problema delle auto parcheggiate lungo la strada principale vicino alla scuola - conclude - e creare un luogo di socializzazione e svago per i più piccoli e per le famiglie della frazione".

A stretto giro di posta è arrivata la risposta del sindaco di Montevarchi. "Mi preme fare chiarezza su quanto dichiarato a mezzo stampa da Romeo Romei sulla tela di Michelangelo Vestrucci – ha detto il primo cittadino- Non è assolutamente vero che il restauro non sia mai iniziato. Il quadro è stato sottoposto ad un intervento conservativo, già concluso, ad opera della restauratrice Stefania Bracci. L’Associazione di Via dei Musei ha già raccolto una cifra importante, frutto proprio della sottoscrizione dei cittadini, ma restano da reperire ancora 1800 euro per completare il saldo di questa prima parte del lavoro. Oltre a questo, l’Associazione, con il supporto del Comune, si è attivata per inserire il progetto nel sistema Toscana Art Bonus che permette di reperire donazioni private e finanziamenti regionali". "Alla luce di questi fatti e dell’impegno profuso dall’Associazione di via dei Musei - ha aggiunto Chiassai - consiglio vivamente al signor Romei di informarsi bene prima di fare polemica, magari potrebbe impegnarsi a raccogliere fondi se ha così a cuore l’opera, ma sembra che in realtà sia interessato solo a fare affermazioni chiaramente motivate più dalla critica politica che dall’interesse comune. Per quanto mi riguarda ribadisco nuovamente l’impegno preso nel programma elettorale del 2021: “Un’opera che l’amministrazione ha voluto fortemente recuperare grazie all’Associazione di via dei Musei che l’ha scoperta. Con un protocollo d’intesa siglato con la Curia vescovile, proprietaria dell’opera, il dipinto presto sarà nuovamente restituito alla cittadinanza”. "Contrariamente, infatti a chi è solo in grado di parlare - ha concluso Chiassai - una volta che sarà definitivamente completato il restauro, sia conservativo che pittorico, l’Amministrazione comunale e la Curia Vescovile non mancheranno di rispettare gli accordi presi nel protocollo di intesa per riportare il quadro in città. Si ricorda a tutti i cittadini interessati che si possono effettuare donazioni accedendo al sito Toscana Art Bonus, cercando alla voce "soggetti beneficiari" l'Associazione Via dei Musei o cercando direttamente il ”Progetto di intervento di Restauro Chiesa della Compagnia Rendola".