Rivoluzione del traffico: il piano. Una rotatoria a Porta del Castello

Ridisegnati gli accessi alle due strade che conducono verso la collina tra viale Fatti e viale Francini. I passaggi pedonali avranno una protezione: cambia il senso unico di marcia in via Beato Ranieri dal Borgo. .

Rivoluzione del traffico: il piano. Una rotatoria a Porta del Castello

Rivoluzione del traffico: il piano. Una rotatoria a Porta del Castello

di Claudio Roselli

Il cerchio rosso segnato sull’asfalto indica che è iniziato l’iter per la realizzazione dell’annunciata rotatoria all’altezza di Porta del Castello a . D’altronde, si tratta di un nodo nevralgico della viabilità cittadina e, fin da quando si erano conclusi i lavori di quella del quartiere Riello, il vicesindaco e assessore ai lavori pubblici, Riccardo Marzi, aveva fornito le sue anticipazioni in proposito. "I tecnici del Comune stanno effettuando la verifica di fattibilità – ha spiegato – per cui presto il progetto arriverà sul tavolo della giunta e quindi cominceremo a mettere mano su un incrocio che necessita di modifiche a livello sia di circolazione che di sicurezza". Le novità sono più di una: intanto, l’installazione della rotatoria comporterà l’automatica eliminazione del semaforo che a Porta del Castello è presente ininterrottamente dal 1971, quando ancora c’era il vecchio stabilimento Buitoni.

E poi verranno ridisegnati gli accessi alle due strade che conducono verso la collina, ovvero viale Luigi Fatti e viale Eduino Francini, salvaguardando la corsia preferenziale per i mezzi di soccorso, dal momento che attraverso viale Francini si arriva poi all’Ospedale della Valtiberina. I passaggi pedonali avranno una loro protezione e sarà cambiato il senso unico di marcia in via Beato Ranieri dal Borgo, la direttrice attigua a piazza San Francesco. La proposta all’attenzione è la seguente: i veicoli non la percorreranno più in salita e quindi dalla rotatoria si potrà scendere entrando dalla vecchia porta cittadina; chi vorrà recarsi verso Porta Fiorentina dovrà svoltare a destra in via Santa Caterina e chi vorrà andare verso Porta Romana girerà a sinistra lungo via Niccolò Aggiunti, che anch’essa avrà il senso di marcia invertito, tornando alla situazione vigente fino a quattro anni fa (era proprio il febbraio del 2020), quando entrò in vigore il nuovo piano del traffico. "Ci siamo resi conto del fatto che le disposizioni introdotte in quella zona non stanno funzionando – ha detto Marzi – perché i tempi del semaforo da più parti, a cominciare proprio dai due flussi provenienti da via Beato Ranieri, contribuiscono a creare ingolfamenti e accelerazioni per la ristretta durata della luce verde. Vogliamo invece che i flussi siano più lenti e più continui". Qualcuno si chiede: come è possibile posizionare una rotatoria in pendenza? "Dico subito che è possibile e che questa non è la prima, né sarà l’ultima esistente".