Poste italiane: ad Arezzo i webinar di educazione finanziaria anche in modalità Lis

Arezzo, 17 giugno 2024 – Proseguono per i cittadini di Arezzo, città e provincia, gli appuntamenti di Educazione Finanziaria in modalità webinar.

Questa settimana si riparte con un doppio appuntamento il 18 giugno e il 20 giugno, rispettivamente con le tematiche “La previdenza” e “Il risparmio e gli investimenti” Per ciascuna giornata sono previsti due differenti momenti, alle 10.00 e alle 16.30, durante i quali i relatori condivideranno con i partecipanti utili suggerimenti sull’opportunità di pianificare da subito il proprio percorso previdenziale e su come gestire al meglio risparmi e investimenti e raggiungere così il proprio benessere finanziario.

Gli incontri, promossi da Poste Italiane, hanno l’obiettivo di divulgare e diffondere, fra giovani e non solo, una cultura finanziaria, assicurativa e previdenziale per compiere scelte consapevoli e adatte agli obiettivi personali e familiari.  I webinar saranno disponibili per tutti i cittadini anche con sottotitoli e interprete LIS. 

Per partecipare gratuitamente basta collegarsi su https://www.posteitaliane.it/educazione- finanziaria/eventi alla pagina web di Educazione Finanziaria, nella sezione sostenibilità del sito istituzionale www.posteitaliane.it, scegliere la tematica di interesse e registrarsi.

All’interno del sito sono disponibili, inoltre, molteplici contenuti multimediali aperti a tutti, come ad esempio, i tre “Percorsi in Video pillole”, composti da video pillole di Educazione Finanziaria articolati in tre livelli (base, intermedio ed evoluto), dove ciascun percorso aiuta a orientarsi tra le possibili soluzioni finanziarie, assicurative e previdenziali utili al raggiungimento dei propri obiettivi di vita personali e familiari.

L’iniziativa si muove nel segno della tradizionale attenzione di Poste Italiane alle esigenze dei cittadini e in coerenza con la sua storica vocazione di azienda socialmente responsabile che aderisce ai principi internazionali ESG, promossi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite.