Così rinasce il borgo abbandonato. Castelnuovo: arrivano gli archistar

Presentato il team di progettisti che si occuperanno della ripresa del paese. La benedizione di Giani

Così rinasce il borgo abbandonato. Castelnuovo: arrivano gli archistar
Così rinasce il borgo abbandonato. Castelnuovo: arrivano gli archistar

di Marco Corsi

Il progetto di recupero del vecchio borgo di Castelnuovo d’Avane, destinatario di 20 milioni di euro grazie ai fondi Pnnr, sarà portato avanti da un gruppo di professionisti conosciuti nel mondo dell’architettura mondiale, tra cui gli studi Archea e Gpa di Firenze. Il team incaricato di redigere il piano di fattibilità tecnica ed economica da cui prenderà il via la rinascita del paese abbandonato alle porte è stato presentato ieri pomeriggio alla presenza del sindaco, della giunta, del consiglio e del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. Il consulente per la progettazione sarà l’architetto Marco Casamonti, che ha ideato, tra le altre cose, la casa della Fiorentina, il Viola Park. Il gruppo di lavoro seguirà anche le fasi di direzione lavori e coordinamento della sicurezza, nell’ambito della realizzazione delle opere che, successivamente, verranno appaltate sulla base del progetto approvato. E’ formato da un raggruppamento temporaneo di professionisti che vede Archea Associati srl, in qualità di capogruppo mandatario, Gpa srl, Studio Mattioli srl, Valentini Ventura Restauro d’Opere d’Arte srl, Chiarini Associati – Ingegneria Civile e Ambientale e l’Ingegnere Sacha Slim Bouhaged. Porteranno avanti il piano di riqualificazione completa del borgo di Castelnuovo d’Avane, seguendo i più moderni criteri di sostenibilità ambientale ed energetica, con particolare attenzione all’accessibilità e alla cultura e avendo cura di mantenere le peculiarità del paese che fu. All’interno di questo gioiello troveranno posto diversi musei, botteghe artigiane, ristoranti, spazi dedicati al co-working a ai "nomadi digitali", oltre che una porzione interamente rivolta al social-housing. Sarà trattato anche l’aspetto relativo alla viabilità, in collaborazione con Enel Produzione SpA, che curerà la progettazione e la realizzazione, attualmente in fase di redazione, di una strada di collegamento al borgo dall’area nord, ovvero dalla Sp delle Miniere. "E’ una immensa soddisfazione che un team di elevata professionalità e competenza contribuisca alla rinascita di questo luogo – ha detto il sindaco Sanni – Dopo il pesante sacrificio che ha dovuto sopportare per esigenze di scavo e dopo il terribile massacro del luglio 1944, il borgo e l’intera comunità cavrigliese si meritano un riscatto". "Castelnuovo rappresenta un punto di riferimento strategico per tutto il territorio regionale in chiave futura e contribuirà alla sua crescita sia sotto il profilo culturale che promozionale" ha aggiunto Giani.