Vannacci querelato da Egonu. Il gip si riserva se archiviare o meno

Il gip di Lucca si riserva di decidere sull'archiviazione della denuncia di Paola Egonu contro il generale Vannacci. La pallavolista non ritira la querela, mentre il tribunale militare respinge la richiesta di archiviazione. Vannacci si difende da accuse di razzismo, mentre Egonu punta a un messaggio sociale.

Vannacci querelato da Egonu. Il gip si riserva se archiviare o meno

Vannacci querelato da Egonu. Il gip si riserva se archiviare o meno

VIAREGGIO

Il gip del tribunale di Lucca, Alessandro Dal Torrione, si è riservato di decidere se archiviare o meno la denuncia di Paola Egonu, campionessa di pallavolo, nei confronti del generale Roberto Vannacci. Serviranno ancora dei giorni, quindi, per capire se inizierà o meno il processo. A niente sono serviti i tentativi dei legali delle parti di arrivare ad un chiarimento, con la pallavolista che ha deciso di non rimettere la querela e arrivare fino in fondo. A rendere ancora più intricata la vicenda, la decisione del gip del tribunale militare di respingere la richiesta di archiviazione di querela per la stessa vicenda. Presente ieri in aula anche lo stesso Vannacci, insieme ai suoi avvocati.

"Siamo qua per esporre le nostre ragioni – spiega Vannacci prima di entrare in aula –. Io non sono mai stato razzista in vita mia, anzi ho combattuto per chi aveva una pelle diversa dalla mia. Spero che queste ragioni possano venire fuori".

Posizione diversa per il legale di Paola Egonu, Simone Facchinetti. "Paola è molto delusa, arrabbiata e intristita da questa vicenda - racconta -. Non ha mai pensato alla remissione di querela. Abbiamo provato, insieme agli avvocati di Vannacci, a trovare una soluzione senza arrivare a questo punto, ma sono mancati i presupposti. Non c’è mai stata una vera e propria scusa, ma anzi dei chiarimenti che potrebbero essere stati fatti solo per altri fini. Per il tribunale militare, le stesse parole, corrispondono ad istigazione all’odio razziale, vediamo cosa succederà qui. Sicuramente l’intento di Egonu è quello di mandare un messaggio sociale. Non è interessata al risarcimento, anzi se ci sarà sarà interamente devoluto ad associazioni no profit per la tutela di diritti sociali".

Iacopo Nathan