Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 mag 2022

La figlia l’aspetta invano. Era morto d’infarto

Giuseppe Giovannetti ex dipendente del Comune, aveva 66 anni ed era il marito dell’agente di polizia municipale Elena Navari

24 mag 2022
francesca navari
Cronaca
featured image
118
featured image
118

Querceta (Lucca), 25 maggio 2022 - Il cuore di quell’uomo robusto e sportivo si è fermato all’improvviso. Il dramma si è consumato ieri mattina nell’abitazione in via delle Ciocche dove Giuseppe Giovannetti, 66 anni, è stato trovato privo di vita. A fare la scoperta è stata la moglie, il commissario di polizia municipale Elena Navari, che si è allarmata dopo le ripetute chiamate a vuoto.

Giovannetti infatti intorno alle 9 sarebbe dovuto andare a prendere la figlia Martina, 33 anni psicologa, all’aeroporto di Pisa al ritorno da una trasferta in Olanda: appena la ragazza è scesa dall’aereo ha chiamato la mamma per dirle che il padre non era arrivato.

Elena Navari, che era in servizio al comando di polizia municipale, ha così cercato ripetutamente di contattare il marito. Poi la terribile intuizione che qualcosa non andava. Così, assieme al collega Enzo Faraboschi, si è fatta accompagnare a casa: la macchina di Giuseppe era ancora in garage e la porta era chiusa a chiave.

L’uomo era a terra nel corridoio. Da lì lo strazio e il disperato tentativo di Faraboschi di rianimarlo in attesa dell’arrivo del 118.

Quando il medico è arrivato sul posto non ha potuto far altro che constatarne il decesso. Giovannetti era un personaggio conosciutissimo: da qualche anno in pensone, era originario di Montiscendi ed era stato prima dipendente comunale a Massarosa, poi per 25 anni a Forte dei Marmi dove svolgeva le mansioni di operaio adetto segnaletica stradale ed era sempre disponibile, tanto da seguire i percorsi delle manifestazioni sportive e, addirittura, guidare i bus per le gite dei ragazzi alla Casetta dell’Abetone.

Appassionato di bici e di sci, non era raro vederlo sfrecciare a colpi di pedale sul lungomare. Giuseppe era un uomo sportivo e proprio il giorno prima era tornato da una vacanza alle terme e progettava già un viaggio alle Canarie. La salma resterà esposta alla Croce Bianca di Querceta oggi fino alle 15, alle 15,30 i funerali in Sant’Ermete a Forte.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?