Artigianato, al via l’alta formazione. Patto con Cna per rilanciare il marmo

Il bando prevede un’esperienza di 12 mesi nelle aziende locali. Manualità ma anche tecnologia e robot

Artigianato, al via l’alta formazione. Patto con Cna per rilanciare il marmo

Artigianato, al via l’alta formazione. Patto con Cna per rilanciare il marmo

PIETRASANTA

Apprenderanno non solo quella manualità che si tramanda da secoli nelle botteghe artigiane cittadine, ma anche le sfide del futuro fatte di robot e altri strumenti tecnologici. Un’esperienza totalizzante quella che attende coloro che si iscriveranno al corso di alta formazione per l’artigianato artistico promosso da Cna con il sostegno del Comune. Il percorso di istruzione e formazione tecnica superiore sarà dedicato alla filiera del marmo allo scopo di sviluppare capacità e competenze lavorative collegate alle richieste di specializzazione provenienti dal tessuto produttivo locale.

Il progetto, presentato da un pool di soggetti con capofila “Copernico“ – agenzia formativa emanazione di Cna – nelle prossime settimane sarà valutato dalla Regione per l’ammissibilità al finanziamento. Tema che ha tenuto banco a un incontro in municipio tra il sindaco Alberto Giovannetti e i vertici di Cna Lucca, ossia il presidente Andrea Giannecchini, la vice Sabrina Mattei e il direttore Stephano Tesi. L’iniziativa ha come partner l’università di Pisa, il liceo artistico “Stagi“ di Pietrasanta, Fondazione Tab, Versilia format, Centro arti Visive e l’azienda Stoneone. "Il triplice obiettivo – spiega Giannecchini – è sperimentare una prima opportunità formativa dedicata all’artigianato artistico, valutando quindi anche la risposta degli interessati, offrire un’occasione di crescita tecnica e tecnologica e rendere operativa quella sinergia fra enti che abbiamo sottoscritto circa un anno fa. Non dobbiamo aver paura di mettere Pietrasanta al centro della formazione nazionale e internazionale: una cosa fatta qui ha un valore diverso rispetto a qualsiasi riproduzione, per quanto ben eseguita, realizzata altrove".

Il percorso messo a bando si svilupperà su 12 mesi, rilasciando la qualifica di “Tecnico del disegno di prodotti industriali attraverso l’uso di tecnologie informatiche” con particolare riferimento ai pacchetti applicativi Cad. "È un primo atto concreto – aggiunge Giovannetti – per cominciare a lavorare sullo sviluppo della formazione nel settore dell’artigianato artistico. Plaudo all’iniziativa di Cna e spero che la risposta della Regione sia favorevole. Il nostro supporto alla filiera è stato sempre chiaro, incondizionato e naturale: Pietrasanta è la città d’arte che tutti ammirano grazie a quei preziosi saperi di bottega che, oggi, sono a forte rischio estinzione. Tramandare il mestiere di padre in figlio non è più sufficiente: serve una sede di studio e diffusione per restituire al mestiere l’appetibilità di una volta sulle generazioni più giovani".