Numeri. Monte ingaggi: il Grifo è quinto. Torres, poca spesa ma tanta resa

La Spal deve pagare oltre nove milioni. Il capolavoro è sardo:. stipendi bassi e successi.

Monte ingaggi: il Grifo è quinto. Torres, poca spesa ma tanta resa
Monte ingaggi: il Grifo è quinto. Torres, poca spesa ma tanta resa

Sorride la Torres che con un monte ingaggi da ultime posizioni viaggia al secondo posto ad un passo dal primo. Piange la Spal spendacciona che naviga in zona play out. Il Perugia, invece, è in linea, con il merito, da retrocessa, di essere riuscito a dare un taglio al monte ingaggi. Si è chiuso il girone di andata e si fanno i primi bilanci delle squadre di serie C, dando i numeri relativi al monte ingaggi che, all’inizio della stagione, viene indicato dalle stesse società. I dati sugli stipendi dei tesserati (giocatori, allenatori, dirigenti) comprendono lo stipendio base, più i premi e i diritti di immagine. Nel girone B la società che spende di più risulta essere la Spal, con oltre 9 milioni. Una cifra esagerata, ma la società si è portata dietro le spese della serie B, ma i tanti soldi spesi non si ripercuotono sul campo, viste le difficoltà della squadra di Ferrara. Al secondo posto c’è il Cesena con un monte ingaggi da 6,7 milioni. Una cifra importante che però è stata sicuramente ben spesa dal club bianconero che viaggia a ritmi forsennati nel campionato di C. Al terzo posto c’è l’Entella (con sei milioni e mezzo) e anche in questo caso a Chiavari hanno poco da sorridere, visto il decimo posto in graduatoria.

Pescara e Perugia, invece, rispecchiano la classifica. Al quarto posto nella graduatoria del monte ingaggi c’è il club abruzzese che fa registrare quasi cinque milioni (4,78), mentre i biancorossi meno di quattro milioni (3,68). A fare notizia c’è la squadra sarda: la Torres, infatti, supera di poco il milione di euro (1,22) e viaggia a due punti dalla vetta. Superiore ai tre milioni anche il Rimini. La fascia tra i 2 e i 3 milioni comprende la Carrarese (terza in classifica, settima come monte stipendi), Lucchese e Ancona; tra 1 e 2 milioni: Gubbio, Pineto, Vis Pesaro, Arezzo, Torres, Olbia; sotto il milione di euro: Fermana, Pontedera, Sestri Levante e Recanatese. I dati emersi sono la conferma che i soldi sono sì importanti, ma ancora di più come questi soldi vengono spesi.