Selezionati sei progetti culturali

Sei progetti culturali per promuovere l'arte del Perugino riceveranno un contributo straordinario di 100mila euro dal Ministero della Cultura, selezionati tra 12 proposte per un totale di 324.820 euro. I progetti scelti si concentrano su iniziative durature ed efficaci nel tempo, come il restauro di opere poco conosciute e l'allestimento di spazi dedicati al pittore rinascimentale.

Selezionati sei progetti culturali

Selezionati sei progetti culturali

Ecco i sei progetti culturali per la promozione e la divulgazione dell’arte e della vita del Perugino selezionati dall’avviso pubblico che il Comitato mazionale per le celebrazioni del pittore sosterrà nel 2024 grazie a contributo straordinario di 100mila euro del Ministero della Cultura. Le proposte presentate sono state 12 per un totale di 324.820 euro. Dopo un’attenta valutazione, sono selezionati sei progetti ammessi al contributo di 119.700 euro, seguendo i criteri

di durabilità ed efficacia nel tempo dell’iniziativa. Così 22.500 euro vanno alla parrocchia S. Maria e Leonardo di Fontignano per il progetto “Perugino e Fontignano. L’ultimo raggio di luce e la conferma di un’eterna gloria”; 20.700 euro al progetto “Editoriale peruginesca. Il restauro di una tavola poco nota attribuita a Giovan Battista Caporali“ presentato dalla Fondazione Marini Clarelli Santi; 13.550 euro per “Nicola Francioli detto il ‘Co: un ceramista derutese che guarda a Perugino e Raffaello. Il nuovo allestimento del pavimento del 1524” presentato dal Comune di Deruta. E ancora, 18mila euro sono per “Allestimento di una sala multimediale Perugino nella Galleria Tesori d’Arte a San Pietro” presentato dalla Fondazione per l’Istruzione Agraria; 22.500 euro per il progetto “Perugino tra mente e anima: verso un nuovo umanesimo” presentato da Laboratorio di Diagnostica per i Beni Culturali di Spoleto e 22.500 euro per “Il restauro della Lunetta della tavola attribuita alla bottega del Perugino di Monteleone d’Orvieto”, presentato da parrocchia di Monteleone d’Orvieto