Sacerdote, foto generica
Sacerdote, foto generica

Massa Martana (Perugia), 12 aprile 2021 - «Mi sono innamorato»: con queste poche, emozionate parole don Riccardo Ceccobelli, parroco di Massa Martana, ha stupito la comunità durante la Messa domenicale. Accanto a lui il vescovo, monsignor Gualtiero Sigismondi e i frati del terzo Ordine Regolare di San Francesco che da oggi saranno amministratori della parrocchia.

Un passaggio di consegne inaspettato. Don Riccardo ha chiesto la dispensa dal celibato sacerdotale e la riduzione allo stato laicale: vuol lasciare l’abito sacerdotale e tornare alla vita civile. Un sentimento nuovo, inatteso, ma così forte da indurlo ad un repentino cambio di vita.

E poi la volontà di rimettersi al Vescovo e alle sue decisioni per vivere cristianamente questo amore. Per essere coerente e giusto. "Rimango a disposizione della Chiesa - afferma – e cerco un lavoro". Una scelta che don Riccardo, 42 anni a febbraio, ha meditato a lungo: ordinato sacerdote il 18 marzo del 2012 a Pantalla, frazione di Todi di cui è originario, era sempre in mezzo ai giovani.

Direttore della Pastorale Giovanile della Diocesi, assistente ecclesiastico dell’Agesci, è stato in servizio nella parrocchia della Santissima Annunziata di Todi e, dal 2015, era a Massa Martana. "Pretaccio", lo chiamavano i giovani, quelli con cui aveva condiviso il percorso dello scoutismo". Adesso per lui si apre la procedura interna che valuterà l’operato e rimetterà nelle mani del Papa la decisione finale.