Rissa e coltellate tra tifosi. Arrestato ultrà del Grifo

Indagini della Digos dopo la gara di serie B tra Genoa-Perugia giocata ad aprile . Eseguite nove misure cautelari: i fatti avvenuti nei pressi dello stadio Ferraris.

Rissa e coltellate tra tifosi. Arrestato ultrà del Grifo

Rissa e coltellate tra tifosi. Arrestato ultrà del Grifo

La polizia genovese ha eseguito nove misure cautelari nei confronti di altrettante persone, otto delle quali appartenenti alla tifoseria organizzata del Genoa e un ultrà del Grifo, dopo la rissa tra principali gruppi ultras rossoblù in piazza Galileo Ferraris a Genova dopo la partita del campionato di serie B "Genoa-Perugia" giocata il 15 aprile scorso. Le indagini, condotte dalla Digos di Genova e coordinate dalla Procura ha permesso di individuare i responsabili delle condotte più violente, uno in particolare autore di un accoltellamento.

A due degli indagati è stata applicata la misura della custodia cautelare in carcere (uno di questi è il leader della tifoseria del Perugia, squadra ’amica’, coinvolto nella rissa), mentre altri sette ultras genoani, tutti elementi di spicco della Gradinata Nord, sono stati sottoposti ai domiciliari.

Nel corso delle perquisizioni, eseguite dalla digos genovese ed estese anche ad altri due tifosi per i quali non sono state ritenute sussistenti le esigenze cautelari, sono stati sequestrati gli smartphone e gli altri dispositivi informatici, nonché altro materiale utile al proseguimento delle indagini. I tifosi individuati, che hanno tra i 21 e i 56 anni, sono stati indagati a vario titolo per i reati di rissa aggravata, lesioni aggravate e detenzione illegale d’arma.

Gli stessi appartengono ai gruppi ultras genoani "Nucleo 1893", "Armenia 5 Rosso" e "Caruggi", il primo in contrasto con gli altri due ormai da anni per questioni legate all’orientamento politico e al ‘governò in Gradinata, fino ad arrivare allo scontro violento e risolutivo nel quale alcuni partecipi sono rimasti feriti.

L’analisi dei contenuti dei dispositivi servirà a confermare l’effettiva partecipazione degli indagati alla rissa e di verificare i vari contatti al fine di individuare altri responsabili e i reali organizzatori della colluttazione.