L’Orvietana cerca punti a Cenaia . Il ds Capretti suona la carica

ORVIETO - L’Orvietana si porta a Cenaia tonificata dal primo successo stagionale confidando che non resti isolato. Le premesse di far bene esistono, non ultima la consistenza dei padroni di casa. I biancorossi, che in settimana si sono trasferiti sul sintetico di Allerona Scalo per la consueta partitella infrasettimanale nel tentativo di conservare un minimo di compattezza al tappeto del Muzi, si preparano anche a qualche variante dell’undici vittorioso. Manoni, per vizietto che lo contraddistingue, qualche atteggiamento un po’ esagerato per non lasciare indifferenti gli arbitri, sconta la giornata di squalifica per somma di ammonizioni. Congiu si è trattenuto ai box, fino a ieri, complice il leggero infortunio rimediato in allenamento. "Potrebbero liberarsi due posti – ci dice il d.s. Severino Capretti - ma abbiamo con chi sostituirli". Inizia, quindi, a dare qualche frutto la scelta estiva dei due uomini per ruolo. Riguardo ai possibili sostituti, Capretti fa notare la ripresa di Vignati, allenatosi con il gruppo dalla scorsa settimana, quella di Labonia che resta il primo candidato nel caso Congiu dia forfait. "Per Maroni - afferma ancora Capretti – l’ago della bussola punta su Orchi. Ma lasciamo che sia il nostro allenatore a decidere, come sempre". Anche a riguardo del possibile atteggiamento in campo, ha la sua idea: "Quest’anno, in particolare, vedo diverse squadre con un modo di porsi da far pensare come, un punto non sia poi tanto sgradito. Pure ciò è degno di una riflessione". Che siano tre o un solo punto, importante che da Cenaia non si torni a mani vuote.

ORVIETANA: Marricchi, Caravaggi, Lorenzini, Ricci, Siciliano, Labonia, Greco, Orchi, Santi, Fabbri, Marsili. All. Fiorucci

Roberto Pace