L’anima verde di Magione. Differenziata oltre il 73%. Cresce il patto sui rifiuti

Dati confortanti nei primi otto mesi del 2023: "Grande impegno dei cittadini, ma funziona anche il sistema di raccolta". Ora pannolini e ingombranti .

L’anima verde di Magione. Differenziata oltre il 73%. Cresce il patto sui rifiuti

L’anima verde di Magione. Differenziata oltre il 73%. Cresce il patto sui rifiuti

Magione comune "ecologista" in rimonta con record sopra il 70% di differenziata. Con una partenza scarsa a gennaio 2022 dove le percentuali di adesioni al servizio erano state del 54.64%, in poco più di un anno si è arrivati a risultati eccellenti. Un primo picco ad agosto 2022, dove il 73.14% delle utenze ha aderito correttamente, ed è stato seguito da un 72.92% registrato nel mese di agosto 2023. Interessanti i dati, anch’essi positivi, delle ecoisole dove il picco di rifiuti conferiti è stato registrato ad agosto 2023.

Silvia Burzigotti, assessore all’ambiente del comune di Magione, commenta così i risultati: "C’è stato un grande impegno da parte dei cittadini, che hanno dovuto rivoluzionare il modo di ragionare nella separazione dei rifiuti. Ma ciò che resta è la consapevolezza di affrontare determinate scelte e avere una maggiore sensibilità anche nei confronti dell’ambiente".

Molte le azioni che sono state messe in atto e che hanno consentito il raggiungimento di obiettivi così positivi. Si ricordano la guida messa a disposizione dei propri cittadini da Comune di Magione e TSA che spiega, passo per passo, il funzionamento della raccolta differenziata. L’attivazione di uno specifico Ufficio di relazioni con il pubblico (Urp) a disposizione della cittadinanza nell’ottica di fornire una corretta gestione delle attrezzature assegnate alle utenze interessate dal progetto di riorganizzazione del servizio di raccolta; l’impiego di un ausiliario di polizia ambientale per 8 ore alla settimana dedicato al controllo e monitoraggio dei buoni comportamenti dei cittadini e della loro consapevolezza nel fare e utilizzare determinati sistemi. Cosa che, probabilmente, ha contribuito a scoraggiare i potenziali inquinatori. Il progetto di raccolta differenziata prevede, inoltre, l’attivazione, sempre presso l’Urp, di una serie di servizi specifici: raccolta domiciliare di pannolini e pannoloni per tutte quelle utenze domestiche che hanno fabbisogno giustificato dalla presenza di bambini in età infantile, anziani e malati; ritiro con prenotazione di ingombranti; possibilità, per l’utente, di recarsi autonomamente alla ricicleria comunale e ritiro di verde-sfalci nei mesi da aprile a settembre. In merito a quest’ultimo servizio, vista anche la situazione climatica, il termine è stato prorogato al 31 ottobre.