Incidente mortale di Torricella. Il 23enne patteggia a due anni

Morirono tre ragazzi: l’accusa di omicidio stradale

Incidente mortale di Torricella. Il 23enne patteggia a due anni

Incidente mortale di Torricella. Il 23enne patteggia a due anni

E’ stata accolta la richiesta di patteggiamento a due anni di reclusione presentata dal giovane di 23 anni accusato di omicidio stradale, nell’incidente in cui alla guida di una Golf ha impattato contro la Ford Fiesta poi sbandata e finita fuori strada a Torricella, lungo il raccordo Perugia-Bettolle, nel maggio del 2023 e in cui hanno perso la vita tre ragazzi di 15, 16 e 28 anni che tornavano dalla discoteca. Rimase gravemente ferito anche un quarto giovane, di 22 anni, fratello della più piccola del gruppo. Ora il giudice Elisabetta Massini ha accolto la richiesta presentata dai legali Luca Maori e Graziella Magliulo difensori del ventitreenne di origine marocchina. Stando alle consulenze tecniche disposte dalla Procura l’imputato viaggiava a circa 125 chilometri all’ora a "velocità superiore a quella consentita e non adeguata alle caratteristiche della strada" e per questo non riuscì ad evitare l’impatto con la Fiesta, il cui conducente - deceduto nell’impatto - era alla guida ubriaco e drogato e senza patente. Il 23enne avrebbe dunque tamponato "la Ford che lo precedeva – è la ricostruzione del pubblico ministero – che perdeva il controllo finendo sulla scarpata sottostante, cagionando la morte del conducente", delle due minorenni e "provocando lesioni personali gravissime" al quarto giovane.