Ferrovia centrale umbra, al via lavori su 85 km. Alla cerimonia anche Salvini

Il completamento dell’opera previsto entro il 2026

Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini con il presidente della Regione Umbria Donatella Tesei (Ansa/Basilietti)
Il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Matteo Salvini con il presidente della Regione Umbria Donatella Tesei (Ansa/Basilietti)

Perugia, 8 febbraio 2024 – l via i lavori di ricostruzione della tratta Perugia Ponte San Giovanni-Terni della Ferrovia centrale umbra. La cerimonia si è svolta alla presenza del ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Matteo Salvini, della presidente della Regione Umbria Donatella Tesei, dell'assessore regionale ai trasporti Enrico Melasecche e di Gianpiero Strisciuglio amministratore delegato e direttore generale di Rfi, società capofila del Polo infrastrutture del Gruppo Fs. Gli interventi interesseranno circa 85 chilometri di linea e consisteranno nella rimozione dei binari, degli scambi e del pietrisco, con la loro integrale sostituzione. Verranno rinnovati circa 200 chilometri di rotaie, 180 mila traversine e 250 mila metri cubi di pietrisco. Il cantiere partirà dalla stazione di Perugia Ponte San Giovanni e i lavori si svolgeranno principalmente durante le ore diurne, con un avanzamento variabile tra i 500 e mille metri al giorno.

Saranno circa 120 i tecnici e le maestranze di Rfi e delle ditte appaltatrici impegnate quotidianamente negli interventi. L'investimento economico del cantiere di armamento è di circa 85 milioni di euro, finanziati con fondi Pnrr. Termine dei lavori previsto per dicembre 2024. Per il completamento dell'opera entro il 2026 sono stati stanziati 78 milioni di euro di fondi Pnrr e 100 milioni di euro già previsti in legge di bilancio.