Campus di Protezione civile. Così i ragazzi imparano a gestire le emergenze

Successo dell’iniziativa organizzata ai Laghi di Faldo dalla Prociv Montone. Protagonisti trentadue giovanissimi di età compresa tra i 9 e i 16 anni.

Campus di Protezione civile. Così i ragazzi imparano a gestire le emergenze

Campus di Protezione civile. Così i ragazzi imparano a gestire le emergenze

Cinque giorni immersi nel verde, fatti di amicizia, ascolto ed impegno civile. Questi i punti di forza del campus estivo “Anche io sono Protezione civile“, organizzato ai Laghi di Faldo dalla Prociv di Montone, a cui hanno partecipato 32 ragazzi tra i 9 e i 16 anni che hanno dormito in tenda, giocato, mangiato insieme ed imparato le tecniche di base per fronteggiare le emergenze. Di grande spessore educativo i momenti di formazione, fulcro del progetto, grazie agli incontri con la Guardia di Finanza – che quest’anno celebra il 250° della fondazione – e la sua Unità cinofila proveniente da Castiglion del Lago, Polizia di Stato, Carabinieri, Vigili del fuoco, Croce bianca Anpas, Fipsas, Kodokan Judo Fratta, Arcieri Malatesta di Montone; hano partecipato anche il Coordinamento Prociv alta Umbria e Anci. Stefano Luchetti, presidente della Prociv montonese: "Da 8 anni seguiamo questo percorso in collaborazione con la Protezione civile regionale e nazionale. L’obiettivo è stimolare i giovani all’impegno speso per l’ambiente e per gli altri, contando sul fatto che un domani, cresciuti e maturati, diventino loro stessi membri della Prociv. Un campus propedeutico quindi, un investimento nel futuro perché abbiamo bisogno di giovani".

Una delle attività più apprezzate del campus, già sperimentata lo scorso anno, l’incontro con la Guardia di Finanza, curato dal tenente Daniele Maggioni della Gdf tifernate all’insegna della legalità. L’ufficiale ha illustrato l’attività del corpo nelle sue varie sfaccettature, con una particolare attenzione alla lotta agli stupefacenti avvalendosi anche di due “finanzieri“ particolari, Gino e Carlo splendidi e giovani cani lupo che insieme ai loro conduttori hanno mostrato le tecniche adottate dai reparti cinofili del corpo nella lotta alle droghe entusiasmando i ragazzi.

Molto soddisfatta l’amministrazione comunale montonese: il consigliere comunale Alberto Tiezzi commenta: "Ringraziamo il Gruppo Comunale Protezione Civile di Montone e il suo presidente Stefano Luchetti per aver organizzato questo campo che vede coinvolti più di trenta tra ragazzi e ragazze in attività che promuovono l’educazione e la sensibilità civica. Grazie anche tutti i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e alle varie associazioni presenti hanno dato il loro contributo a questo importante progetto".