Autovelox abbattuto sulla Flaminia. L’ombra di “Fleximan” a Spoleto

Sono in corso gli accertamenti della polizia locale per ricostruire i fatti. Il dispositivo era tarato a 90 chilometri orari e tenuto in funzione per quattro-sei ore al giorno

La comandante della Polizia locale di Spoleto Alessandra Pirro
La comandante della Polizia locale di Spoleto Alessandra Pirro

Spoleto (Perugia), 6 febbraio 2024 – Autovelox abbattuto alle porte di Spoleto, lungo la strada Flaminia. Il rilevatore di velocità era stato installato da circa due mesi a ridosso del punto dove la strada diventa da quattro a due corsie ed era tarato a 90 chilometri orari. L'autovelox era tenuto in funzione per quattro-sei ore al giorno in fasce che variavano in base a un algoritmo.

Sull’accaduto sono in corso accertamenti della polizia locale guidata dalla comandante Alessandra Pirro. E’ possibile che il cosiddetto “effetto Fleximan” già purtroppo noto in Liguria e nel Nord Italia, ovvero persone che da tempo distruggono autovelox per vendicarsi delle multe, sia arrivato anche in Umbria.