Anziano molesta minore fuori della scuola e alla fermata: indagato

L'uomo, 86 anni, era già nel mirino delle forze dell'ordine: gli era stato vietato di avvicinarsi a luoghi frequentati da ragazzini

La Polizia ha dato esecuzione al mandato
La Polizia ha dato esecuzione al mandato

Perugia, 28 novembre 2023 - Atti persecutori ai danni di un minorenne: di questo è accusato un 86enne per il quale il gip di Perugia ha disposto il divieto di avvicinamento,  eseguito poi dalla polizia. In una denuncia presentata dal padre del ragazzo venivano riferiti diversi episodi.

I fatti: alla fine di settembre "l'anziano senza alcun apparente motivo - si ricostruisce in un comunicato diffuso dalla Procura - aveva avvicinato il minorenne nei pressi di una stazione degli autobus rivolgendogli alcune domande riguardanti la sfera personale. La situazione veniva notata da alcuni passanti che si avvicinavano ai due facendo allontanare l'anziano. Nei giorni successivi il ragazzo lo rivedeva ancora  fuori dalla sua scuola mentre continuava a fissarlo con insistenza".

Secondo gli inquirenti in una occasione gli si poneva poi davanti fermandolo e cercando di abbracciare. Solo l'intervento della madre del ragazzo riusciva a farlo allontanare. Dagli accertamenti è emerso che l'anziano era già stato indagato per fatti analoghi e ad agosto 2022, a suo carico era stata emessa una misura della sorveglianza speciale con la prescrizione di non avvicinarsi a scuole o luoghi frequentati da minori ma a giugno veniva sorpreso dalla polizia vicino ad una scuola dove era stata segnalata la presenza di un anziano che molestava i minori.

Secondo la Procura gli episodi di molestia avevano creato nel minore un progressivo accumulo di disagio tanto da aver paura di tornare a casa da solo facendosi andare a prendere quotidianamente dai genitori. Il gip ha ritenuto "concreto il pericolo di reiterazione del reato anche alla luce del fatto che l'indagato ha dimostrato di non saper controllare i propri istinti e di non essere nuovo a tali comportamenti".