Siena, Nieddu diventa allievo di Aceto: “Mi seguirà in provincia”

Il fantino, giovane e dal carattere forte, tra breve traslocherà dal re della Piazza. “Sì, il Valdimontone mi segue da tempo ma ci sono anche altre Contrade”

Nieddu accanto ad Aceto; nella foto anche Turchi e Bastiano

Nieddu accanto ad Aceto; nella foto anche Turchi e Bastiano

Siena, 5 novembre 2023 – «L’allievo di Aceto? Dai diciamo così. Ha detto che verrà a seguirmi». Salvatore Nieddu, 21 anni l’11 novembre, sardo di Burgos, la passione per i cavalli trasmessa dal nonno Valentino, ha fatto un’esperienza a Newmarket prima di tornare in Sardegna. Quindi un anno da Antonio Siri, poi una stagione da Mattia Chiavassa. Alla fine del 2022 la scuderia in proprio ad Asciano. E adesso l’occasione d’oro. Perché a breve porterà i cavalli nei box del re della Piazza, Aceto. Non nasconde, fiero e caparbio quale è, l’orgoglio per questa opportunità che spera lo aiuti ad aprire le porte del Palio che tanto desidera correre.

Perché ti eri messo per conto tuo?

«Semplice: per sfruttare l’occasione al meglio, senza dipendere da qualcuno».

Forte e chiaro. Adesso compi un bel passo, andando dal più vittorioso. Cosa ti ha detto Aceto?

«Che bisogna lavorare tanto! Non è già cotta per il Palio. Sto finendo di ristrutturare la scuderia, penso entro il mese di riuscire a traslocare».

Perché proprio Aceto?

«Che domande, è il meglio che c’è».

Sarai suo allievo, un onore perché per certi aspetti  è molto riservato.

«Verrà a seguirmi, così ha detto».

Quanti cavalli porterai dal re della Piazza?

«Coca, Caronte bello, Ardeglina e una cavalla nuova, Emozione de Florinas».

Che cosa vorresti prendere ad Aceto?

«Tutto».

Una cosa di lui che ti ha colpito di più ci sarà…

«Il carattere».

E’ uguale al tuo?

«Molto caratteriale, un po’ gli assomiglio. In corsa faccio il mio».

Hai guardato i suoi Palii?

«Tutti, naturalmente. Quello che mi piace di più? L’ultimo nell’Aquila, vorrei vincerne uno così».

Ti sta già seguendo il Valdimontone.

«Da tempo, c’è un buon rapporto»

Anche con altre Contrade?

«Sono venute però preferisco non nominarle».

Il tuo sogno sarebbe di esordire.

«L’obiettivo è quello. Farò tutta la provincia, dove posso portare i cavalli a correre. Naturalmente Fucecchio e la Piazza».

Un pregio e un difetto di Nieddu? «Pregio sono molto determinato, difetto... non so che dirti»