Siena, 6 luglio 2020 - Terza operazione per Alex Zanardi, da 17 giorni ricoverato in terapia intensiva all'ospedale Le Scotte di Siena dopo l'incidente del 19 giugno durante una tappa in handbike di una iniziativa benefica. L'intervento era programmato e il campione olimpico è stato riportato in terapia intensiva, dove restano le condizioni stabili per quanto riguarda i parametri vitali e le condizioni gravi invece a livello neurologico, dopo il tremendo scontro contro un camion su una strada nel territorio comunale di Pienza. L'operazione è tecnicamente riuscita. La prognosi rimane riservata. 

Leggi anche: "La moglie incoraggiava Alex subito dopo l'incidente, aiuto prezioso" / Il messaggio del figlio Niccolò / "Niente risveglio, Zanardi deve solo riposare / La preghiera dei ciclisti per Zanardi

"Intervento durato cinque ore"

Un'operazione complessa, con una equipe chirurgica multidisciplinare: questo è stato il terzo intervento per Zanardi. Ed è durato cinque ore. A spiegare come l'equipe si è mossa, il direttore sanitario Roberto Gusinu. L'equipe è stata questa volta coordinata dal chirurgo maxillo facciale Paolo Gennaro. Hanno partecipato specialisti sia dell'area maxillo facciale che di neurochirurgia. Si è provveduto alla ricostruzione cranio-facciale e alla stabilizzazione della zona interessata. Si è trattato di un intervento imprescindibile per il proseguimento delle cure. 

Operazione anche con tecniche 3D

"L'intervento - dice il professor Gennaro - è stato complesso. Le fratture erano complesse, e questo ha richiesto una accurata programmazione digitale e tridimensionale dell'intervento. Sono fratture che affrontiamo in maniera routinaria ma la complessità del caso è stata singolare. L'intervento è perfettamente riuscito grazie al lavoro di squadra.