Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
2 mar 2021

Sottrazione di minore, condannata la madre

Due anni alla donna che ha portato la figlia in un altro Continente. L’avvocato Fasanaro: "Il padre ha sempre creduto nella giustizia"

2 mar 2021
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)
Una bambina. contesa fra un padre che l’ha voluta ad ogni costo e la madre (foto generica. d’archivio)

di Laura Valdesi Battaglia vinta. La bambina vive con il padre ormai da due anni. E adesso il tribunale ha dato ragione all’uomo che ha combattuto come un leone per affermare anche davanti al giudice la legittimità di quanto aveva fatto per avere con sé e tutelare la figlia che adesso ha otto anni. La sua ex, una donna straniera con cui aveva avuto una relazione importante di cui la piccola era il frutto, è stata infatti condannata ieri dal giudice Ottavio Mosti a 2 anni con sospensione condizionale della pena e risarcimento del danno da definire in sede civile. L’accusa era sottrazione di minore in quanto l’aveva portata in un altro Continente e trattenimento di minorenne all’estero. Fra sessanta giorni le motivazioni. L’avvocato Nicola Giuliani che difendeva la madre si è riservato di leggerle e presentare appello. La situazione fra i due, peraltro già complicata, era precipitata nel 2016 quando l’uomo, 40 anni, che ora vive in un paese della provincia di Grosseto, si era accorto che alla recita prima delle vacanze natalizie la piccola non c’era. E che da un paio di giorni non la vedevano a Siena. "Feci subito denuncia per sottrazione internazionale di minore, fu terribile", aveva raccontato il padre nell’udienza dell’ottobre scorso salendo sul banco dei testimoni. Nel processo infatti era parte civile. Seppe che la madre, 35enne, via Amsterdam aveva portato la piccola in un altro Continente. Si rivolse al ministero di Grazia e giustizia anche se poco dopo era arrivata una mail che comunicava dove si trovavano. Dall’altra parte del mondo. Di qui un braccio di ferro durissimo che si è concluso con l’affidamento in via esclusiva della bambina riconosciuto dal tribunale di Siena e delibato anche da quello del Paese della ex. Era in aula ieri il padre, premuroso e affettuoso, che è rinato ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?