I bidoni che sono volati durante la rissa in Piazza (Foto Di Pietro)
I bidoni che sono volati durante la rissa in Piazza (Foto Di Pietro)

Siena, 26 ottobre 2020 – Parla al telefono. Va avanti e indietro, si vede che è agitato. La Polizia municipale raccoglie testimonianze, i carabinieri e la questura  danno la caccia al gruppo – forse tifosi,  avrebbero intonato cori viola – che ha seminato ieri  il panico nel centro storico. Prima delle 20, all’ora dell’aperitivo. Nell’ultima domenica  in Piazza del Campo con bar e  ristoranti aperti fino a dopo le 18. Da oggi infatti scatta lo stop.

Il giovane che tiene la mano distesa, dolorante, è un  ventenne di Siena,  studente in  Scienze politiche. «Mi hanno rotto un bicchiere di vetro sulla mano – racconta mostrando la ferita –, forse mi si è aperta  dentro anche qualche vena», dice mentre attende l’arrivo dell’ambulanza per andare al pronto soccorso a farsi medicare. «Certo che farò denuncia», aggiunge prima che il portellone del mezzo di soccorso si chiuda davanti a lui.

E’ stato aggredito e picchiato, ma avrebbero colpito anche  un altro uomo, fra Banchi di sopra e la croce del Travaglio. 

«Stavo passando in Banchi  di sotto –  l’universitario aveva ricostruito quei momenti   che hanno fatto tremare di paura tanti cittadini che ancora affollavano il centro –, ad un certo punto c’era un gruppo di 7-8 ragazzi, tutti vestiti di nero che indossavano la mascherina.  Stavano urlando ma  non ho prestato attenzione. Poi sento gridare ‘Eccolo, eccolo’. Non cercavano me, c’era un altro gruppo. Iniziano a correre. Vedo gente che si sposta verso i lati, lo faccio anche io. Poi mi prendono  in quattro, tirandomi calci e pugni. E uno, come detto, mi spacca il bicchiere  sulla mano. Uno va poi per tirarmi un calcio ma sente gridare ‘Arrivano, arrivano’. E allora sono fuggiti tutti». Conclude: «Stavo raggiungendo i miei compagni di corso, mi sono ritrovato picchiato da non so chi. Mi hanno detto che erano forse tifosi della Fiorentina ma io proprio  non lo so». 

Adesso entrano in gioco le telecamere. Saranno fondamentali per ricostruire l’aggressione. In Banchi di sotto ci sono, basterà analizzare i filmati. In Piazza, invece, nel punto in cui è avvenuto non sono presenti, ma ci sono quelle del Comune.