SIENA "Siamo strafelici. Primi a ‘Sanremo Rock & Trend Festival’ vuol dire conquistare la grande vetrina internazionale, scelti fra diecimila candidati che si sono presentati alle prime selezioni; 230 band e 1500 solisti arrivati al Teatro Ariston. Un grande risultato che premia la musica, il nostro impegno". Parlano i protagonisti di The Occasionals, la band senese world music con influenze folk-rock e ska prima a ‘Sanremo Rock’,...

SIENA

"Siamo strafelici. Primi a ‘Sanremo Rock & Trend Festival’ vuol dire conquistare la grande vetrina internazionale, scelti fra diecimila candidati che si sono presentati alle prime selezioni; 230 band e 1500 solisti arrivati al Teatro Ariston. Un grande risultato che premia la musica, il nostro impegno". Parlano i protagonisti di The Occasionals, la band senese world music con influenze folk-rock e ska prima a ‘Sanremo Rock’, sezione Trend: Domenico Petrilli voce, Matteo Cannazza basso, Biagio Mazzafera tromba, Marco Bonelli e Mario Tortoriello chitarre, Niccolò Maggi batteria e Andrea Frosolini violino. La loro canzone ’Distinti Salumi’ ha convinto la giuria di ‘Sanremo Rock & Trend’, il Festival, organizzato da Noveeventi, seguito dai più importanti produttori, editori, manager, radiofonici, e da cui sono passati i Liftiba, i Bluvertigo, altri nomi illustri della nostra musica. È piaciuta anche a AssoMusica che ha premiato la band per la migliore esibizione live.

"’Distinti Salumi’ – spiega la band – racconta la società, il mondo che ci circonda, i problemi con i quali molti si interfacciano tutti i giorni. Quando cantiamo ‘l’Italia che avanza senza un briciolo di pietà’, recepiamo tante sollecitazioni. Il racconto dei temi della realtà può e deve passare anche attraverso il linguaggio musicale, meglio se inizialmente allegro e scanzonato ma, comunque, capace di stimolare un’attenta riflessione". Ampia come quella che sollecita ’Distinti Salumi’, scelta come colonna sonora del film ’Mo’ Vi Mento, Lira di Achille’. Sanremo Rock’ rappresenta per The Occasionals una tappa epocale di un percorso iniziato a Siena nel 2011 quando degli studenti fuori sede, accomunati dalla passione per la musica, coinvolsero due musicisti senesi e dettero vita a questo progetto. "Ogni componente della band ha portato un bagaglio musicale diverso. "Poi abbiamo sviluppato il nostro genere", dice la band, arrivata a Sanremo dopo aver anche prodotto il videoclip ’Piero’. E adesso? "Dobbiamo valutare tutte le possibilità di questa vittoria, le strade che ci apre. Intanto, abbiamo già guadagnato il grande palco della prossima edizione di Firenze Rock. Un’altra sfida, che ci prepariamo ad affrontare".