Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
18 giu 2022

Matteo, scheggia di Bettolle "Correre, un vizio di famiglia"

Il giovane atleta della Poliziana si sta rivelando un talento di grande valore. E la società intanto affila le armi: "Abbiamo già settanta giovani iscritti"

18 giu 2022
Matteo e Cristiano Bernardini
Matteo e Cristiano Bernardini
Matteo e Cristiano Bernardini
Matteo e Cristiano Bernardini
Matteo e Cristiano Bernardini
Matteo e Cristiano Bernardini

Una questione di famiglia perché loro la velocità ce l’hanno nel sangue. E, soprattutto, nelle gambe. L’ultimo della dinastia è Matteo Bernardini, 15 anni ancora da compiere, ‘sprinter’ dalle interessanti potenzialità. Il giovane di Bettolle si allena a Montepulciano per i colori della Poliziana la cui sezione di atletica è in forte crescita. Dopo lo smantellamento della pista di Torrita a Montepulciano c’è l’unico anello di atletica della Valdichiana. Matteo è in rampa di lancio e, al secondo anno tra i ‘cadetti’, è capolista regionale degli 80 metri piani con 9.1 secondi.

Domani sarà titolare della rappresentativa Toscana a Parma dove, oltre agli 80 metri, sarà l’ultimo staffettista della 4x100. Alto circa 1.80 metri, fisico ancora in crescita, Bernardini ha già vinto diverse gare. Con "un’impresa" già compiuta: tornare a far appassionare il babbo all’atletica. Cristiano è stato infatti un ottimo velocista da giovane ma a causa degli infortuni ha smesso presto. E da poco, su preciso desiderio del figlio, è tornato in pista. "I primi tempi quando Matteo ha deciso di fare atletica lo portava la mamma agli allenamenti. Un giorno dopo una gara mi dice: o mi alleni te oppure smetto. Così ho ripreso a studiare e lo alleno io. Non lo avrei immaginato ma a 46 anni la passione mi è tornata tutta insieme. Con Matteo abbiamo un rapporto forte, condividiamo tante passioni".

La cugina di Cristiano è Chiara Bazzoni, l’atleta di Bettolle che ha concluso la carriera dopo aver indossato per tanti anni la maglia azzurra. Ma è ricca la galleria di talenti in pista: Nicola Bernardini, lo zio di Matteo, ha gareggiato a buoni livelli sui 110 ostacoli e poi c’era il nonno, Angelo, che si distingueva nel salto in lungo e i racconti di quelle gare hanno fatto appassionare Matteo. La Poliziana può contare su altri talenti promettenti, tra questi c’è Mira Albertini, classe 2008, allenata da Francesco Caporali. "Questa ultima stagione - spiega Alessandro Bracciali, direttore della sezione atletica - è iniziata con una crescita importante, oltre 70 ragazzi e ragazze iscritti, dovuta a due fattori: le medaglie olimpiche e il fatto che l’atletica è uno sport individuale che si fa all’aperto ed è stato preferito da molti per le restrizioni dovute alla pandemia. La bravura degli istruttori e di tutto lo staff, tra cui Donatella Ciampicale che ha un ruolo fondamentale, ha fatto sì che ci sia stata solo una piccola percentuale di abbandoni che comunque è fisiologica. La sezione di atletica della Poliziana è pronta a proseguire ed a incrementare il proprio impegno sperando in una ristrutturazione dell’impianto che farebbe fare un salto di qualità".

Luca Stefanucci

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?