Diego Pablo Simeone e la compagna Carla Pereyra
Diego Pablo Simeone e la compagna Carla Pereyra

Siena, 8 settembre 2019 - La notizia ha colto di sorpresa tutta la Valdelsa: l’ex campione di calcio Diego Pablo Simeone e la modella argentina Carla Pereyra hanno scelto il noto resort di lusso ‘Il Castello di Casole’, situato nella campagna fuori Casole d’Elsa, per celebrare il proprio matrimonio. La coppia, ufficialmente già unita da giugno con rito civile, ha scelto la località toscana per svolgere la cerimonia religiosa, che si è tenuta ieri sera alle 18,30. La maggior parte degli ospiti sono giunti in Toscana già venerdì, quando era prevista una festa pre-nozze presso l’agriturismo: dopo l’atterraggio all’aeroporto di Firenze, gli sposi hanno offerto, per il trasporto presso il Castello di Casole, un servizio di van .

E’ stato un matrimonio all’insegna della massima riservatezza: ai numerosi invitati vip intervenuti per le nozze tra l’ex campione di Inter e Lazio ed attuale allenatore dell’Atletico Madrid e la modella argentina è stato infatti espressamente richiesto di non pubblicare foto e video della cerimonia sulle proprie pagine social: come dimostra l’imponente servizio di sicurezza presente già da venerdì al resort, il «Cholo» (questo il suo soprannome fin dall’inizio della carriera) sembra essere capace di difendere la propria privacy come un tempo difendeva il pallone.

Pochi i dettagli della cerimonia che sono trapelati, anche per quanto riguarda gli invitati, anche se è ufficiale la presenza alle nozze, oltre che delle due figlie nate dalla relazione tra Simeone e la Pereyra, anche dei tre figli che l’ex centrocampista ha avuto dal matrimonio con Carolina Baldini, che hanno scelto tutti di seguire le orme paterne: Giovanni, che dopo le esperienze con Genoa e Fiorentina milita attualmente nel Cagliari, Gianluca e Giuliano. La scelta della coppia argentina conferma il grande appeal del quale gode la Toscana all’estero, e in particolare il Castello di Casole, già da diversi anni noto come meta di élite: tra le più grandi proprietà private in Italia, un tempo dimora della famiglia Bargagli e, successivamente, acquistato dal regista Luchino Visconti, la struttura ha vissuto, negli ultimi anni, diversi passaggi di proprietà: acquistato nel febbraio 2018 dal gruppo Belmond, è passato, neanche dieci mesi dopo, alla multinazionale del lusso Louis Vuitton Moèt Hennessy.

Marco Brunelli