Infermieri, NurSind sulla ‘Banca delle ore’: “Accolte le nostre richieste”

Dal 1 febbraio parte il ‘salvadanaio’ degli straordinari degli infermieri. Il segretario Malatesta: “Il personale potrà scegliere se recuperarli o farseli pagare”

Danilo Malatesta

Danilo Malatesta

Siena, 25 novembre 2023 - Migliaia di ore, accumulate dagli infermieri durante il periodo più duro dell’emergenza Covid e nei mesi della ripartenza delle attività sanitarie, potranno essere utilizzate per compensare il debito di ore dei turni non completati. Il disco verde è arrivato nei giorni scorsi dall’Azienda ospedaliero-universitaria senese per tramite del direttore generale Antonio Barretta, che ha anche gettato le basi per l’attuazione a partire dal mese di febbraio della cosiddetta ‘Banca delle ore’.

Un risultato che soddisfa particolarmente Danilo Malatesta, segretario territoriale senese del NurSind (il sindacato delle professioni infermieristiche), che per primo all’inizio di ottobre propose l’istituzione della Banca delle ore. “Siamo contenti - spiega - che il direttore generale e l’Azienda abbiano accolto la proposta portata avanti dal NurSind un mese e mezzo fa. Una proposta che va incontro ai lavoratori, i quali possono scegliere che le ore di straordinario accumulate nel tempo possano essere pagate, o in alternativa messe a recupero.

Al tempo stesso accogliamo con favore il fatto che il direttore generale abbia stabilito per quegli infermieri che copriranno i colleghi in recupero dei riposi compensativi l’utilizzo della cosiddetta indennità di prestazione aggiuntiva”.

Grazie all’accordo, che sarà formalizzato nei prossimi giorni, si potranno utilizzare fin da subito le ore accantonate per ‘saldare’ eventuali debiti orari derivanti dal mancato raggiungimento dell’orario mensile. La partenza della Banca delle ore, invece, è prevista il 1 febbraio: da quel momento in poi verrà creato un vero e proprio contatore delle ore di straordinario, che potranno essere pagate o recuperate entro l’anno con una scelta insindacabile dei singoli infermieri. “Il fatto che venga messo nero su bianco - conclude Malatesta - la possibilità di pagare le ore di straordinario attraverso la Banca delle ore, cosa che peraltro è prevista dal contratto nazionale, ci soddisfa molto. Il tutto fermo restando la possibilità che il personale possa recuperare tali ore entro l’anno".