Hotel semivuoti. La speranza si chiama Emma

Capodanno a Siena: le presenze turistiche in calo, secondo Confesercenti. Dibattito sui social tra chi lamenta l'assenza di iniziative e chi invita ad attendere il concerto di Emma. Serve una riflessione.

Spes ultima dea: la speranza è l’ultima a morire. Almeno per quanto riguarda le presenze turistiche in città a Capodanno. L’allarme arriva forte e chiaro da Leonardo Nannizzi, presidente di Confesercenti, che lamenta: "La nostra sigla del settore alberghiero parla di posti letto occupati intorno al 40%. Siena è in balia di un lento e progressivo decadimento".

Il dato accende il dibattito sui social: c’è chi lamenta nel capoluogo la totale assenza di iniziative nel cartellone delle festività natalizie, enfatizzando il successo dei mercatini nella vicina Arezzo, e chi invece consiglia di aspettare il concerto di Emma in Piazza del Campo prima di tirare le somme. Comunque vada, servirà una riflessione.