Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
la Nazione logo
24 giu 2022

Gsk, una donna alla guida del sito di Rosia "Sfida stimolante per i vaccini del futuro"

Maria Chiara Amadei dal 1° giugno dirige lo stabilimento con 1.500 dipendenti. "Un polo strategico per il network della compagnia. Produrremo un vaccino anti meningococco di nuova generazione, con una sola dose proteggerà contro tutti i ceppi"

24 giu 2022
pino di blasio
Cronaca

di Pino Di Blasio Maria Chiara Amadei, 49 anni, ingegnere, dal 1° giugno è la nuova direttrice dello stabilimento Gsk Vaccines di Rosia. Per essere più esatti, dirige le operazioni industriali del polo di Rosia e di una parte marginale del sito Siena. E dimostra, in questa intervista, di avere le idee chiare su come sviluppare un sito che dà lavoro a più di 1.500 persone e che nel 2021 ha prodotto 30 milioni di dosi di vaccini, distribuiti in 57 Paesi. "Prima di Rosia - è l’esordio di Maria Chiara Amadei - ero a capo del sito di Parma, dove Gsk produce farmaci etici. Un polo all’avanguardia per la produzione di anticorpi monoclonali, con un ruolo strategicamente importante nel network Gsk. Prima ancora ho fatto un’esperienza in Giappone nella rete commerciale. Uno dei mercati mondiali più interessanti, per l’ottimizzazione dei processi produttivi. In Giappone c’è un concetto molto alto di qualità. Il difetto non è mai marginale". Come è nata l’opportunità di Rosia? "Rosia è uno dei principali siti dell’intero network Vaccini per Gsk, oltre che uno dei più grandi. Quando mi è stata presentata la prospettiva di direzione dello stabilimento, ho colto subito l’occasione. Aldilà dei numeri, a colpirmi è stata la passione e la competenza delle persone che lavorano qui, fattori che rendono questo sito strategico anche per il futuro. Un impianto può diventare obsoleto, una persona no". Quali sono i numeri cruciali? "Più di 1.500 collaboratori, che uniti a quelli che lavorano nel sito di Siena, portano il totale Gsk Vaccines in Italia attorno a quota 2.400. Rosia è l’unico sito al mondo dove si producono vaccini contro tutti i principali ceppi del meningococco, senza dimenticare il confezionamento di quello per l’herpes zoster e per l’influenza". C’è una strategia di crescita? "Ci sono programmi proiettati fino al 2030, focalizzati sull’evoluzione dell’antimeningite. Nascerà un vaccino ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?