Mauro Marzucchi di Siena Aperta
Mauro Marzucchi di Siena Aperta
Il Green pass in Consiglio comunale? Per molti ma non per tutti. Se la maggior parte dei 32 consiglieri risulta in possesso della certificazione verde in quanto vaccinata, c’è anche chi all’interno della massima assise cittadina ha scelto una via alternativa. Si tratta di Mauro Marzucchi, capogruppo di Siena Aperta, e del collega Andrea Piazzesi, coordinatore provinciale di Italexit con Paragone. Entrambi hanno deciso, non essendo vaccinati, di continuare a seguire le sedute consiliari in...

Il Green pass in Consiglio comunale? Per molti ma non per tutti. Se la maggior parte dei 32 consiglieri risulta in possesso della certificazione verde in quanto vaccinata, c’è anche chi all’interno della massima assise cittadina ha scelto una via alternativa. Si tratta di Mauro Marzucchi, capogruppo di Siena Aperta, e del collega Andrea Piazzesi, coordinatore provinciale di Italexit con Paragone.

Entrambi hanno deciso, non essendo vaccinati, di continuare a seguire le sedute consiliari in presenza, facendosi il tampone. "Ho già acquistato il ’pacchetto’ da 10 tamponi di Vismederi – spiega Marzucchi – in modo tale da poter entrare e partecipare ai lavori in aula senza problemi. Ho avuto il Covid e probabilmente sono già abbastanza coperto contro il virus". E ancora: "La mia non è una scelta politica, ma personale – aggiunge Marzucchi –. Mi attengo alle regole utilizzando la mascherina e rispettando il distanziamento. Rispetto la scelta degli altri di vaccinarsi, chiedo quindi che venga rispettata la mia".

Sulla stessa lunghezza d’onda il collega Piazzesi: "Per partecipare al Consiglio dovrò fare il tampone, purtroppo. Dico purtroppo perché ha un costo esoso: lo Stato dovrebbe renderli gratuiti". Nessun problema invece dal punto di vista professionale: "Lavoro nel settore dell’editoria, delle banche dati e dell’aggiornamento professionale – sottolinea il rappresentante di Italexit –. I miei clienti sono commercialisti e avvocati: nessuno di loro mi ha mai chiesto il Green pass". Poi aggiunge: "Non sono vaccinato e non intendo farlo in futuro, la mia è una scelta personale. Del resto la Costituzione consente la libertà di scelta. Sia chiaro: non sono né ’no vax’ né ’sì vax’. Mi definisco piuttosto un ’free vax’". E proprio nella prossima seduta del Consiglio comunale (martedì 19 ottobre) si discuterà la mozione presentata da Piazzesi sulle ’Nuove regole previste dal Decreto Covid in merito all’estensione dell’obbligatorietà del Green pass a gran parte delle attività umane’.

Da parte sua, il presidente del Consiglio comunale, Marco Falorni, fa sapere: "Non ho ricevuto alcuna comunicazione dai consiglieri circa problemi riguardanti l’entrata in vigore del Green pass obbligatorio per l’ingresso in aula. I controlli sulle certificazioni verdi e la validità dei tamponi saranno effettuati al portone di Palazzo pubblico su tutti coloro che partecipano all’assemblea. Aprirò la seduta ricordando la necessità di un’applicazione stringente della legge: dura lex sed lex".

Cristina Belvedere