Enoteca Italiana, alleanza con il Piemonte. Elena D’Aquanno stringe nuove sinergie

Ovada: incontri, visite nelle cantine ed evento dedicato al nonno enologo .

Enoteca Italiana, alleanza con il Piemonte. Elena D’Aquanno stringe nuove sinergie

Enoteca Italiana, alleanza con il Piemonte. Elena D’Aquanno stringe nuove sinergie

Prende sempre più forma la rete di relazioni e collaborazioni di Enoteca Italiana. Dopo Siena e la Toscana, l’amminstratrice di Eis Elena D’Aquanno ha varcato i confini regionali, incontrando soggetti istituzionali e privati e visitando cantine dell’Ovadese e del Monferrato nell’ambito di ’Ovada Città Europea del Vino 2024’. Un invito nato da due motivazioni: l’interesse che sta muovendo la nuova Enoteca Italiana Siena su tutto il territorio nazionale e il legame di D’Aquanno con il Piemonte: "Sono onorata ed emozionata perché sono stati riconosciuti l’impegno e la credibilità del progetto di rinascita di Eis e perché essere qui mi ha dato modo di tornare dove mio nonno Pietro Duina oltre cento anni fa aprì una distilleria". Accompagnata da Mario Arosio, presidente dell’Enoteca regionale di Ovada e del Monferrato, D’Aquanno ha incontrato Daniele Oddone, presidente di un consorzio con 50 cantine associate. Nell’incontro è emersa la disponibilità del Consorzio a esser coinvolto nelle iniziative di Enoteca Italiana Siena. "Oggi abbiamo posto un altro tassello per la realizzazione del Vigneto Italia nei bastioni della Fortezza di Siena e nel resto d’Italia", ha concluso D’Aquanno.