di Anna Duchini

Il brindisi di un gruppo di studenti di fotografia è andato oltre le 22 di sera ed a scoprirlo sono stati i carabinieri.

E’ successo a Chianciano Terme, mercoledì scorso, dentro un palazzo del Comune, esattamente la prestigiosa

Villa Simoneschi; ma il fuori orario non è passato inosservato e così gli allievi invece che festeggiare la conclusione dello studio, hanno dovuto rispondere

alle forze dell’ordine

e rendere conto del loro comportamento.

"Nessun party, ma serata finale di un laboratori, conclusa con un saluto ed un semplice brindisi fra i partecipanti – ha spiegato sui social l’assessore Damiano Rocchi –; il controllo delle forze dell’ordine

è scattato in quanto la serata si è protratta dopo le 22. Tutto si è svolto regolarmente secondo le regole Covid, ma non per l’orario".

"Abbiamo fatto un brindisi

di fine corso in 5 nel rispetto delle norme – si giustifica Andrea Testini, il responsabile del corso –; eravamo alla Villa per ripulire e sanificare e riprendere il materiale utilizzato. I carabinieri hanno fatto un giusto e normale controllo".