Bettolle, al Poggio il palio della rivalsa

E’ il secondo successo consecutivo. Il miglior corteo storico. va a Montemaggiore .

Bettolle, al Poggio il palio della rivalsa

Bettolle, al Poggio il palio della rivalsa

In una giornata pienamente estiva e con un centro storico gremito e festante, la contrada Il Poggio ha vinto la ventisettesima edizione del Palio della Rivalsa di Bettolle, rievocazione storica con la Proloco al centro dell’organizzazione. Per Il Poggio si tratta della vittoria numero quattro nella storia della manifestazione e della seconda consecutiva. Era una delle favorite con le Caselle (arrivata poi seconda) e il pronostico, i rossoneri si erano aggiudicati anche la Provaccia, può dirsi rispettato. La gara non ha mancato di emozionare e di tenere tutti con il fiato sospeso: la scalata con il palio cosparso di grasso, alto sei metri, non ha infatti avuto esito positivo visto che nessuno tra gli scalatori delle quattro contrade è riuscito a spegnere la fiamma posta in cima al palo nella mezz’ora di tempo a disposizione. A vincere è stato pertanto Il Poggio il cui equipaggio aveva terminato i due giri con un tempo inferiore rispetto alle altre contrade. Un successo che ha visto protagonisti Stella Bianchi e Davide Milloni (primo equipaggio), Andrea Mazzerelli ed Edward Mainò (secondo equipaggio). Gli scalatori sono stati Elia Mazzeschi e Pietro Madonia. Lo "Sfarzo", ovvero il premio per il miglior corteo storico lo ha vinto la contrada Montemaggiore, Il Poggio vede premiati anche i suoi sbandieratori, Edward Serban e Valentino Mazzeschi. Nico Della Lunga (contrada Caselle) è il miglior tamburino di questa edizione. Grande soddisfazione da parte della Proloco, Duccio Nannotti, consigliere dell’associazione, parla "di tanta gente e di una festa che sta crescendo. Venerdì a cena in piazza c’erano 420 persone". Durante la settimana di eventi il pubblico è stato numeroso, dal torneo di calcio fino alle iniziative nel centro storico. Il panno di quest’anno è stato dipinto dall’artista Angela Capecchi.

L.S.