"Tanti annunci ma le chiusure ci sono ancora"

L'interrogazione di Renzo Guccinelli al Comune di Sarzana sull'uso pubblico del portico dell'ex Laurina, chiuso nel maggio 2022, solleva dubbi sull'accordo bonario raggiunto e sulla rimozione dei sigilli.

"Tanti annunci ma le chiusure ci sono ancora"

"Tanti annunci ma le chiusure ci sono ancora"

"Quando il portico dell’ex Laurina sarà nuovamente percorribile e fruibile dalla cittadinanza?". Lo chiede Renzo Guccinelli, consigliere di Sarzana Protagonista che, in un’interrogazione indirizzata al presidente del consiglio comunale Raffaella Plicanti, al sindaco Cristina Ponzanelli e all’assessore all’urbanistica Carlo Rampi. Nonostante lo scorso maggio l’amministrazione e la proprietà avessero raggiunto un accordo bonario che riconosceva l’uso pubblico di quel portico ma cancellava la funzione ricettiva del Laurina, le chiusure non sono ancora state rimosse. Una vicenda complessa iniziata (quasi) inaspettatamente nel maggio del 2022 quella che, da un giorno all’altro, ha visto interdire il pubblico passo di quel portico per via dei lavori avviati dalla società che tramite l’apposizione di strutture in alluminio avrebbe voluto chiudere il passaggio e porvi delle vetrate. La storia è nota: il 15 aprile dello scorso anno la proprietà aveva presentato al Comune la scia di inizio lavori, l’ente non ha mai risposto a quell’atto quindi, con il silenzioso assenso, il 25 maggio 2022 maggio i lavori sono iniziati e il passaggio che per tutti era sempre stato ad uso pubblico, interdetto al transito. Immediatamente è partita una lunga polemica politica fatta di rimpalli di responsabilità e il 12 agosto 2022 la giunta Ponzanelli ha riconosciuto, attraverso un atto, l’uso pubblico di quel passaggio. Cinque mesi l’accordo è stato raggiunto e, da lì a breve i sigilli che ostruivano il passaggio, sarebbero dovuti scomparire. "Come mai ciò non è avvenuto? - chiede Renzo Guccinelli – Quale sarà il risparmio della società per l’esenzione del canone? E come mai è stata accettata la variazione della destinazione d’uso che ha portato all’eliminazione della funzione ricettiva?".

E.S