L’elisoccorso del Levante. Il progetto resta a terra: "Tante parole, pochi fatti"

Il consigliere regionale di opposizione Davide Natale sottolinea il ritardo "Ancora oggi in caso di necessità occorre attendere il servizio da Albenga".

L’elisoccorso del Levante. Il progetto resta a terra: "Tante parole, pochi fatti"

Davide Natale, consigliere regionale del Pd

La primavera è da poco arrivata ma l’elicottero tanto atteso, più volte annunciato e promesso, ancora non ha spiccato il volo. A segnalare il ritardo nel cronoprogramma dell’inizio dell’importante servizio di elisoccorso nel Levante della liguria è stato il consigliere ragionale di opposizione Davide Natale. Il segretario regionale del Partito democratico, infatti, calendario alla mano, ha evidenziato che con la fine di marzo è stata sancita la mancata partenza del progetto di elisoccorso previsto da Regione Liguria grazie all’accordo raggiunto con l’Aeroclub Lunense.

"Con marzo – spiega lo stesso Davide Natale – se ne va l’ennesima scadenza fissata dalla giunta Toti perattivare una base per l’elisoccorso nel Levante ligure. Negli ultimi 18 mesi tanti spono stati i sopralluoghi e tante le promesse in consiglio regionale, ma a oggi un paziente grave che dovesse necessitare di trasferimento in elicottero verso il San Martino di Genova dovrà attendere che il velivolo arrivi da Albenga. Sperando di fare in tempo". Dopo le diverse interrogazioni presentate in consiglio Davide Natale torna a chiedere a giunta e all’assessore Angelo Gratarola un nuovo cronoprogramma. "Questa volta – conclude il consigliere di opposizione – possibilmente affidabile perchè la questione è di importanza fondamentale soprattutto nella stagione turistica in cui infortuni e incidenti crescono esponenzialmente. Purtroppo la prima assicurazione dell’attivazione del servizio è stata a giugno 2022, successivamente a dicembre dell’anno successivo. Quindi dopo l’ennesimo sopralluogo si è arrivati a stabilire la data di avvio alla fine di questo mese. Ma ancora si attende una soluzione".