La due giorni di ’Arte in strada’. Botteghe aperte ed eventi. Rivivono anche 8 fondi sfitti

Ricco calendario di iniziative nella zona del distretto creativo per domani e domenica. Obbiettivo: valorizzare le tre vie storicamente riferimento per l’artigianato sarzanese .

La due giorni di ’Arte in strada’. Botteghe aperte ed eventi. Rivivono anche 8 fondi sfitti

La due giorni di ’Arte in strada’. Botteghe aperte ed eventi. Rivivono anche 8 fondi sfitti

Domani e domenica, dalle 10.30 alle 20, il cuore pulsante di Sarzana tornerà a battere. È tutto pronto per la terza edizione di Arte in Strada, iniziativa organizzata da Cna e curata da Alessandra Botto che punta a valorizzare il distretto creativo, quel quadrilatero sarzanese compreso tra piazza Calandrini, via Fiasella, via Mascardi e via Cattani dedito all’artigiano e alle botteghe, che rappresenta la parte più caratteristica del centro storico cittadino per la sua forte identità, ma che non rientrando all’interno della tipica "vasca" che da piazza Matteotti, passando per via Mazzini o via Landinelli conduce a piazza Garibaldi, troppo spesso rischia di venire trascurato. Un fine settimana all’insegna della collaborazione, della sinergia e della creatività con un fitto programma di appuntamenti che tra negozi aperti, workshop, laboratori artisticiper grandi e piccini, interventi musicali, e mostre coinvolgerà l’intero pubblico.

Un’iniziativa che ha già riscosso ampio successo nelle sue passate edizioni per la qualità degli eventi proposti e che nasce per volontà degli stessi artigiani che faticosamente abitano in quel magnifico distretto creativo facendo i conti con le difficoltà economiche dettate dal momento storico che stiamo attraversando. Una zona magica e caratteristica in cui però è quasi impossibile non notare i diversi fondi sfitti che per l’occasione, in buona misura, torneranno ad essere operativi e aperti al pubblico. "L’anno scorso abbiamo utilizzato la questione dei fondi come piano b – ha spiegato Stella Sanguinetti, presidente Cna Sarzana - mentre quest’anno visto l’aumento dei fondi sfitti abbiamo deciso di dare un segnale lavorando proprio su questo aspetto e dialogando con i proprietari.per creare relazioni e opportunità".

Tra i tanti appuntamenti in programma all’insegna della sostenibilità e del riciclo, il workshop di trasformazione della plastica in oggetti di design che Andrea di Mutarde Genova terrà sabato a mezzogiorno in via Fiasella, la Passeggiata Etnobotanica con Massimo Luciani che avrà inizio sabato alle 14,30 in piazza Calandrini e la Piazza della Solitudine – performance itinerante in cuffia del collettivo Wundertruppe che domenica, alle 14.30 e alle 17.30, condurrà i partecipanti alla scoperta di angoli nascosti. "Cerchiamo di combattere le storture di questo mondo mettendo in atto azioni artistiche e culturali – ha aggiunto la curatrice della manifestazione Alessandra Botto –. Abbiamo messo in atto una sorta di guerriglia culturale, suonando a tutti i citofoni per cercare i proprietari dei fondi sfitti che occuperemo e i proprietari stessi hanno preso parte a questa missione. Senza di loro il Festival non sarebbe stato possibile. Grazie al supporto e all’entusiasmo di tutte le realtà che popolano le vie del centro storico, in primis i bar e i ristoranti che faranno delle aperture straordinarie per sfamare gli avventori del festival".